ESCLUSIVA TJ - Bonsignore (Corriere dello Sport): "Stagione di transizione termine inaccostabile alla Juventus. Con la Dynamo certe tre variazioni rispetto al Crotone. Su Dybala..."

20.10.2020 11:00 di Luca Cavallero   Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
ESCLUSIVA TJ - Bonsignore (Corriere dello Sport): "Stagione di transizione termine inaccostabile alla Juventus. Con la Dynamo certe tre variazioni rispetto al Crotone. Su Dybala..."

Riguardo all'imminente esordio della Juventus in Champions League contro la Dynamo Kiev, la redazione di TuttoJuve.com ha intervistato in esclusiva Filippo Bonsignore, firma de Il Corriere dello Sport.

Ti aspetti variazioni nell'undici di partenza rispetto al match con il Crotone contro la Dynamo Kiev?

"Sicuramente il ritorno di Szczęsny, Cuadrado e Chiellini. Poi c'è l'incognita Dybala: gioca o non gioca? Pare non sia tornato da Crotone molto soddisfatto. Certo è che l'inferiorità numerica dei bianconeri ha complicato le sue possibilità di subentrare".

Serpeggiano già le prime critiche nei confronti di Pirlo. Dal tuo punto di vista il club bianconero è disposto ad accettare un'eventuale stagione di transizione?

"Bisogna andarci cauti. Sin qui la Juve ha disputato soltanto tre partite ufficiali, con in mezzo - per giunta - la sosta delle nazionali. Non c'è praticamente mai stata la possibilità di lavorare tutti insieme: appena dieci giorni complessivi poi basta. Ciò non toglie che i bianconeri avrebbero dovuto battere il Crotone. Penso, infine, che il termine "stagione di transizione" sia inaccostabile alla Juventus. Il presidente Agnelli lo ha, del resto, ribadito non più tardi di una settimana fa:  l'obiettivo è continuare a vincere".

Come valuti un'eventuale disposizione tattica, all'insegna di un 4-3-1-2?

"Per il centrocampo a tre ci vuole un regista e, come detto dallo stesso Pirlo, la Juventus al momento non lo possiede. Per questo giocano in linea Arthur e Bentancur. Io ritengo proseguibile la pista difesa a tre: puoi trovare il giusto equilibrio e, allo stesso tempo, la giusta solidità giocando con Alex Sandro esterno sinistro alto e Cuadrado, nel medesimo ruolo, sull'altro lato. Dico Cuadrado in quella posizione e non Kulusevski perchè lo abbiamo visto in difficoltà contro la Roma. In ogni caso è opportuno ribadire che qualsiasi percorso richiede un certo periodo di tempo prima di giungere ad un quadro definitivo".