ALLEGRI, UMORE DIVERSO MA SOSTA BENEDETTA

14.11.2022 09:00 di Massimo Pavan Twitter:    vedi letture
ALLEGRI, UMORE DIVERSO MA SOSTA BENEDETTA
TuttoJuve.com
© foto di www.imagephotoagency.it

Massimiliano Allegri cambia il proprio umore e la vittoria con la Lazio lo proietta al terzo posto. Una squadra ritrovata, che nell 'ultimo mese e mezzo ha fatto cose ottime ed e' risalita dall'ottavo al terzo posto.

Allegri prova a spiegare la situazione: "non era facile, comunque venivamo da uno sforzo importante nell'ultimo mese e giocare contro di loro non è semplice. Abbiamo avuto la pazienza di chiudere le traiettorie di passaggio, abbiamo concesso poco e niente fino alla fine, e abbiamo avuto anche una buona gestione della palla. E' normale che in quei momenti calano i ritmi della Lazio che nel primo tempo per dare pressione aveva corso molto. E' entrato Di Maria, è entrato Chiesa, cambi importanti, Paredes stesso, in quel momento hanno alzato la qualità tecnica e abbiamo avuto una buona gestione della palla. Secondo me la sosta ci voleva perchè comunque abbiamo troppi giocatori col punto interrogativo. Chiesta stasera è  entrato e tra l'altro ha fatto bene da quinto, si è messo a disposizione, questo è lo spirito giusto. Però ora andrà in Nazionale, non so se lo faranno giocare degli spezzoni di partita, ritornerà, si preparerà bene, abbiamo poi delle partite da fare e quello gli alzerà il ritmo partita. Così come sarà con Pogba. Poi i Mondiali, vedranno in che condizioni rientreranno, ma in questo momento c'era un filino bisogno di tirare un po' il fiato. Poi avremo una partita ogni tre-quattro giorni, perchè giocheremo il giovedì, dobbiamo cercare di arrivare un fondo in Europa League. In campioanto c'è spazio per tutti perchè soprattutto abbiamo dei giocatori che è tanto che sono fermi, quindi ritrovare la condizione e giocare due partite a settimana diventa difficile. Poi già qualche anno fa, ma soprattutto in questo momento, i cambi diventano determinante, nell'ultima mezz'ora diventano altre partite. Nell secondo tempo siamo cresciuti anche fisicamente, come capita nelle ultime partite. Quindi di questo sono contento, ma è cambiato lo spirito, vincere poi aiuta a vincere. E stasera mi sarei arrabbiato se avessimo preso gol alla fine su quel tiro su calcio d'angolo, perchè visto che nomn l'avevamo preso, mancava un minuto ed era giusto non prenderlo. Questo è un altro step in avanti che va fatto, Comunque quando si gioca e non prendi gol, sei già un passo in avanti". 

Il modulo e' dipeso dagli assenti: "ho fatto dele scelte, poi si è fatto male Paredes, non sono rientrati Pogba e Chiesa e avevo dei giovani che hanno fatto bene, Miretti, Fagioli, Iling stesso, Gatti ha fatto benissimo. Per quanto riguarda l'assetto all'inizio avevo giocatori diversi, prima lo avevo anche fatto ma le cose non andavo bene. In Champions non abbiamo fatto ma in campionato a parte qualche passaggio a vuoto abbiamo sempre fatto bene. Abbiamo giocatori come Pogba e Chiesa che hanno bisogno di giocare, poi giocheremo ogni tre giorni una partita e non possiamo farlo sempre con gli stessi 11 undici. L'importante è avere tutti a disposizione. In queste ultime 6 partite il livello alto della squadra è stato mantenuto da quelli che sono subentrati, se entri male la squadra va in difficoltà".

Fondamentale sarà gestire bene i calciatori nella pausa e farsi trovare pronti alla ripresa cercando di continuare a vincere, ma non ci sono rimpianti: "La Juventus nelle ultime partite ha fatto delle buone gare con ottimi risultati non subendo gol e oggi mi sarei arrabbiatose l'avessimo preso nel finale. Noi abbiamo sbagliato in Champions dove abbiamo gestito male le partite, in campionato adesso abbiamo fatto un filotto e abbiamo avuto dei risultati in alternanza. I ragazzi si sono ricompattati ottenendo dei risultati, hanno vinto delle partite soffrendo e bisogna ringraziarli per quello che hanno fatto.Non ci sono i rimpianti. Ci sono dei momenti di difficoltà, che capitano durante la stagione, che abbiamo affrontato con i ragazzi e la società sapendo che bisognava rialzarsi. È finita la prima parte della stagione. Ora non è che abbiamo risolto tutto ora bisogna recuperare e adesso possiamo testare dei ragazzi come Pogba e Chiesa con delle amichevoli. La stagione è fatta di queste situazioni".

Bisognerà recuperare gli infortunati e farsi trovare pronti alla ripresa.

Clicca qui, segui Massimo Pavan su twitter per interagire con Massimo sulle ultime di mercato e sulla Juve