Un Europeo a tinte bianconere, un Chiellini da Pallone d’Oro: il trionfo azzurro è un gran bella notizia per la Juve di Allegri. Ora il mercato entra nel vivo?

13.07.2021 00:45 di Ivan Cardia Twitter:    vedi letture
Un Europeo a tinte bianconere, un Chiellini da Pallone d’Oro: il trionfo azzurro è un gran bella notizia per la Juve di Allegri. Ora il mercato entra nel vivo?
TuttoJuve.com

Undici gol. Come la Juventus, nessuno in questo Euro 2020. Quasi la metà portano la firma di Cristiano Ronaldo, sta di fatto che la classifica marcatori a squadre l’ha vinta la Vecchia Signora. Battendo l’Inter in un bellissimo derby d’Italia, che tinge di un azzurro ancora più bello questo Europeo capace di riabilitare persino e una volta per tutte le Notti Magiche ma non vincenti di Italia ’90. Juventus, Inter, poi City: prima e dopo il trionfo della banda di Roberto Mancini, è stato un Europeo che ha riabilitato il bistrattato calcio italiano a tutti i livelli ed era anche l’ora.

Guardate anche fuori dalla nostra nazionale: la maggior parte dei protagonisti gioca in Italia, da Ronaldo a Lukaku a Morata a Maehle a Gosens. Bella così, la Serie A meriterebbe di essere cantata più spesso, anche nell’Europa dei club fatichiamo a contare davvero. Questo successo può essere un volano, anche per la Juve di Allegri.

Belli come il sole, quei due lì dietro. E forti come bronzi di Riace. Se il successo azzurro ha tanti volti, i pilastri sono Bonucci e Chiellini. Due che all’estero ci invidiano da decenni e in campionato vengono messi in discussione a giornate alterne. Misteri di un pallone fin troppo esterofilo, spesse volte ai limiti dell’autolesionismo. Ce li siamo goduti in azzurro, la Juve se li godrà in bianconero; entrambi, perché il rinnovo del capitano è dietro l’angolo, pur se (opinione non richiesta), sarebbe stato più bello fosse arrivato prima dell’Europeo e non dopo. Pazienza. In generale, l’Italia che non è fino in fondo ItalJuve è comunque una gran bella notizia per la Juventus di Allegri.

Proprio a partire da quei due: non che vi fossero dubbi, ma più delle prestazioni conta la mentalità, e quella vincente forgiata nel decennio d’oro bianconero non è andata via. S’è un po’ sopita nel bislacco campionato 2020/2021, è tornata a galla con la nazionale e da lì riparte pure la Vecchia Signora. Certe doti non si dimenticano. In più, aggiungiamo Chiesa che si è definitivamente consacrato e pure lui all’estero ce lo invidiano mentre in Italia siamo stati mesi a discutere se fosse stato pagato troppo o troppo poco; persino Bernardeschi, che di sassolini se n’è tolti fin troppi ma è stato barbaramente bersagliato negli ultimi mesi e non lo meritava, torna a Torino rinato. Sul suo carro si sta ancora comodi, ma il tempo è gentiluomo. Chiosa sull’Italia: Jorginho e Donnarumma sopra tutti, vero. Ma, nell’anno in cui l’assegnazione del Pallone d’Oro dovrebbe essere più complicata per l’assenza di un unico grande favorito e pure di un vero duello, perché non prendere in considerazione Chiellini che s’è confermato il miglior difensore al mondo?

Salutato, col sorriso ancora sulle labbra, Euro 2020, è tempo di fare sul serio. Sul mercato, che è iniziato da due settimane ma per ora ha battuto pochi colpi, anche dalla Torino bianconera. A costo di essere noiosi, gira tutto attorno a un unico nodo gordiano: il futuro di Cristiano Ronaldo. Il suo agente Jorge Mendes è in Italia ed è atteso a Milano prossimamente: gli incontri in programma con la Juve fin qui son sempre stati smentiti, ma è impensabile che un confronto non ci sia davvero.

Tutto passa da lì, economicamente e tecnicamente; ragion per cui Madama non può cincischiare ancora a lungo attorno a un rebus che dovrebbe dipendere da lei, ma nei fatti pesa sulla volontà di CR7 e sulle ferree leggi di mercato che in tempi di guerra (o di post pandemia) sono ancora più stringenti. Su tutto il resto, rimane la sensazione che rivoluzioni vere e proprie non ve ne saranno. Locatelli è un bersaglio concreto, ma a furia di ripetersi la stessa offerta e la stessa richiesta col Sassuolo non si va lontani e lo scippo europeo sarebbe una vera beffa. Oltre a Ronaldo, dovranno sbloccarsi le uscite per dare una forma agli affari in entrata: non sarà quello che i tifosi bianconeri vogliono sentirsi dire, ma soprattutto a centrocampo le sabbie mobili degli stipendi stellari (qualcuno ha detto Ramsey o Rabiot?) sono complicate da gestire e poco affascinanti per chi guarda dall’esterno.