LA LANTERNA VERDE - Attenzione a Sarri in formato Kill Bill…

18.11.2021 14:21 di Fabrizio Ponciroli  Twitter:    vedi letture
LA LANTERNA VERDE - Attenzione a Sarri in formato Kill Bill…

Lo ammetto: temo particolarmente la prossima sfida di campionato. Si va a far visita alla Lazio di Maurizio Sarri. Non ci sono dubbi: avrà cerchiato di rosso questo appuntamento sul calendario da tanto tempo. Ci tiene a far bene contro quella società che, dopo averlo sedotto, l’ha bruscamente abbandonato. Era stato scelto per cambiare il DNA della Vecchia Signora. Dopo un solo anno, con lo Scudetto sul petto, è stato invitato a lasciare la guida della squadra bianconera. Tante le sue colpe ma pure quelle di chi l’ha voluto alla Continassa e, dopo un solo anno, ha fatto marcia indietro. Non ho mai avuto grande stima per Sarri, neppure ai tempi in cui il suo gioco imperversava in quel di Napoli. Non amo i suoi modi e le sue lamentele ma riconosco che, come allenatore, ha una sua precisa identità e, in questo momento storico, potrebbe diventare più letale di Uma Thurman in Kill Bill…
In cuor suo, ne sono certo, vuole vendicarsi dei torti bianconeri subiti. Sa che questa Juventus ha dei limiti ed è fragile sotto tanti punti di vista. Batterla gli darebbe tanto gusto, disintegrarla lo manderebbe in estasi (e con lui l’intero popolo biancoceleste). Non nascondiamoci: trasferta insidiosa e dannatamente pericolosa. La Juventus è un cantiere aperto. Come sempre, le nazionali hanno restituito ad Allegri alcuni giocatori infortunati, altri logori, altri ancora sfiduciati (c’è anche chi è tornato con il sorriso, tipo de Ligt, già al Mondiale con la sua Olanda, o Morata, eroe in Spagna).
Non sarà facile per Allegri fare le scelte giuste in ottica Lazio. Ancora non è chiaro come stia Dybala. L’argentino è imprescindibile per la Juventus di oggi ma non è confortante sapere che muscolarmente continua ad essere piuttosto fragile. Ci sarebbe Chiesa. Sulla carta, potrebbe essere devastante nelle ripartenze contro una squadra come la Lazio ma come sta Chiesa? Ultimamente si è perso un po’ per strada. Non è brillante come dovrebbe e, fatto più preoccupante, è piuttosto nervoso. Insomma, i due migliori assi nel mazzo di Allegri non sono al top della forma, tanto per usare un eufemismo.
Che fare? Affidarsi al DNA bianconero, quello che Sarri non è riuscito a cambiare. Se c’è una gara per dimostrare di avere ancora l’orgoglio dei campioni, è sicuramente questa con la Lazio dell’ex Sarri. Una vittoria all’Olimpico potrebbe anche sbloccare, definitivamente, la Juventus e ridarle quel mordente che ancora le manca… Fuori le p..le direbbe un navigato tifoso bianconero!
Mi spiace ma è più forte di me: non riesco a non commentare le parole di Ramsey. L’ex Arsenal ha conquistato, con il suo amato Galles, un posto agli spareggi per il Mondiale. Al termine della gara pareggiata con il Belgio, ha twittato: “Un modo incredibile per finire il girone. Un pareggio importante contro una squadra davvero forte. Pieno merito ai ragazzi, ancora grazie ai tifosi”. Felice che sia soddisfatto ma ora mi auguro che riesca a dare un minimo di contributo anche al club che gli gira lo stipendio mensilmente. Sarebbe bellissimo vederlo postare un tweet anche dopo una grande vittoria bianconera, magari con un suo gol decisivo. Magari sabato? Meglio non esagerare, no?