Morata segna sempre, Chiesa ara la fascia, De Ligt imperioso. Dybala il peggiore, Ramsey e Rabiot non girano

28.11.2020 20:20 di Giovanni Spinazzola Twitter:    vedi letture
Morata segna sempre, Chiesa ara la fascia, De Ligt imperioso. Dybala il peggiore, Ramsey e Rabiot non girano
TuttoJuve.com
© foto di Insidefoto/Image Sport

Szczesny 6,5: la parata su Schiattarella è da applausi, il sangue freddo nel dribblare Sau straordinario. Incolpevole sul gol. 

Cuadrado 5,5: parte terzino ma, di fatto, gioca a tutta fascia. Il colombiano, però, non regala spunti. Troppo poco. 

De Ligt 6,5: una buona partita; perfetto in chiusura, si esibisce anche nell'impostazione. Sta nascendo un leader. 

Danilo 6,5: è terzino ma sembra difensore centrale nato. Ancora una volta perfetto, nessuna sbavatura. E' la seconda vita del brasiliano. 

Frabotta 6,5: il giovane ex U23 gioca bene sulla corsia mancina; gioca a tutta fascia, spinge e difende. Un titolare nuovo. 

Chiesa 6,5: Sgomma e sguscia a velocità altissime sulla corsia destra. Assist da favola per Morata, ottima la sua gara.

(dal 69' Bernardeschi 5,5: un solo acuto, il passaggio sprecato da Dybala). 

Arthur 6,5: una buona regia per il brasiliano che conferma la crescita delle ultime settimane. Serve, però, quel quid in più.

(Dal 62' Bentancur 6: si piazza in mediana e si limita al compitino). 

Rabiot 5,5: non incanta il francese, mai capace di riuscire a svettare nella mediana. Da lui ci si aspetta ben altro.

Ramsey 5,5: qualche buon spunto ma sembra troppo fumoso in un ruolo non suo, lontano dal cuore del gioco. 

(Dal 62' Kulusevski 5: lo svedese, stavolta, non incide per niente. Non un acuto, nulla di nulla). 

Dybala 4,5: spento, altro che Joya. I passaggi sbagliati nemmeno si contano, due le occasioni da rete sprecate. Non riesce mai a caricarsi la squadra sulle spalle, eppure Ronaldo al suo fianco non c'è. E' un caso. 

Morata 6,5: mezzo voto in meno per il rosso a gara finita per proteste decisamente evitabile. Segna, fa reparto da solo, gioca per la squadra e sfiora la doppietta in più di un'occasione. Si danna l'anima.