Juventus-Torino 4-1: le pagelle. Dybala solita garanzia, CR7 finalmente di punizione. Cuadrado fulminante

04.07.2020 19:20 di Simone Dinoi Twitter:    Vedi letture
Fonte: inviato all'Allianz Stadium
© foto di www.imagephotoagency.it
Juventus-Torino 4-1: le pagelle. Dybala solita garanzia, CR7 finalmente di punizione. Cuadrado fulminante

Buffon 6,5 - Più degli altri, questo era il suo giorno: sono 648 le presenze in Serie A che lo elevano a recordman assoluto. Sul prato verde mette il solito Gigi: attento, lucido nel dare sicurezze al reparto. La ciliegina sulla torta sarebbe stato il rigore parato: ci va vicino, ma  il dessert resta comunque dolcissimo.

Cuadrado 7 - Il gol con il quale raddoppia è l’emblema delle sue caratteristiche: dribbling fulminante su Lyanco e botta potente a incrociare che non lascia scampo a Sirigu. Poi controlla con grande tranquillità i diretti avversari.

De Ligt 6,5 - Coriacea la lotta con Belotti che riesce a limitare con buoni risultati. Sfortunato in occasione del calcio di rigore che resta dubbioso: il pallone sembra infatti colpire prima una parte del corpo e poi il braccio. Anche ammonito in quell’occasione: salterà il Milan.

Bonucci 6 - Della coppia di centrali oggi è quello meno preciso nell’avvio dell’azione: forza qualche lancio in avanti non trovando sponda negli attaccanti. Positivo in copertura, controlla senza troppe apprensione assieme all’olandesino gli attaccanti granata.

Danilo 6 - Equilibrato. Trova i tempi per inserirsi e sovrapporsi sia internamente che esternamente. Bel duello di corsa con De Silvestri.

Bentancur 7 - Un tempo da mezzala destra e uno davanti alla difesa complice l’uscita di Pjanic. Prima frazione di aggressioni in avanti in pressione e corse all’indietro, secondo più di testa e precisione. Ma ancora al top, come ormai capita da molto tempo.

Pjanic 6 - Preciso quando si tratta di giocare con il pallone trai piedi, meno nell’interrompere le linee di passaggio del Torino e ingolfare la zona alle sue spalle coperta da Verdi e Berenguer. Sarri lo vede poco lucido e lo toglie a inizio ripresa (49’ Matuidi 5,5 - Fa legna come al suo solito. Spreca un po’ troppo in fase di possesso)

Rabiot 6,5 - Intraprendente e sul pezzo nella prima frazione: si muove con buona intensità cercando anche l’inserimento decisivo. Cala un po’ fisicamente nella ripresa restando però comunque su buoni livelli.

Bernardeschi 5 - Si sacrifica in fascia aiutando Cuadrado in ripiegamento. Vanifica però qualche buona azione mostrando il solito difetto toccando il pallone alcune volte di troppo senza imbeccare i compagni. Ed è quello che, sulla carta, ci si aspetta da lui (55’ Douglas Costa 6,5 - Accelera e sgasa come al suo solito cercando l’imbeccata proficua. Causa l’autorete di Djidji con un suo traversone e sfiora anche la soddisfazione personale).

Dybala 7 - Parte come aveva chiuso con il Genoa: slalom tra la difesa avversaria e sinistro, che con l’ausilio di una deviazione, trafigge Sirigu. Poi viene in contro e apre spazi per esterni e centrocampisti. Viene ammonito dall’arbitro per simulazione: anche lui salterà il Milan (80’ Higuain S.V.).

Cristiano Ronaldo 7 - Dà il via all’azione del gol di Cuadrado con la sua falcata in ripartenza. Poi, finalmente, la tanto agognata punizione che fa vibrare la rete: pennella dolcemente la sfera che passa sopra la barriera e si infila alle spalle di Sirigu. Il 43° tentativo è quello buono.

All. Sarri 7 - Altra vittoria, altri 3 punti e altri 4 gol. Partenza da urlo sintomo di motivazioni ben inculcate alla squadra come detto alla vigilia. Derby portato a casa e nuovo allungo sulla Lazio in attesa del completamento della giornata. Con il Milan sarà obbligato a cambiare qualcosa senza De Ligt e Dybala squalificati.

L’AVVERSARIO

Torino (3-4-3): Sirigu 5,5; Izzo 5,5, Lyanco 4, Bremer 5,5 (84’ Djidji 5); De Silvestri 6 (80’ Edera S.V.), Meité 5,5, Lukic 6, Ola Aina 5,5 (84’ Ansaldi S.V.); Verdi 6 (67’ Millico 5), Belotti 6, Berenguer 5. All. Longo 5,5.