ESCLUSIVA TJ - Cool su Beerensteyn: "Ha scelto la Juve per il calcio offensivo, Montemurro le ha già lanciato la sfida. Sulle sue qualità..."

29.06.2022 14:30 di Mirko Di Natale Twitter:    vedi letture
ESCLUSIVA TJ - Cool su Beerensteyn: "Ha scelto la Juve per il calcio offensivo, Montemurro le ha già lanciato la sfida. Sulle sue qualità..."
TuttoJuve.com
© foto di www.imagephotoagency.it

La redazione di TuttoJuve.com ha contattato telefonicamente, in esclusiva, il consigliere che negli ultimi otto anni ha assistito Lineth Beerensteyn in tutto e per tutto, Herbert Cool, per parlarne approfonditamente e non solo:

Il primo acquisto ufficiale delle bianconere è stato quello di Lineth Beerensteyn. Ci puoi raccontare come è nata la trattativa?

"Lineth desiderava vivere una nuova sfida, dopo che il Bayern ha deciso di non rinnovarle il contratto. Quindi era ora di andar via. La nostra scelta è stata quella di dare priorità ai club che giocano un calcio offensivo impegnati in Champions League. Lei è una calciatrice che può giocare in tutti i ruoli dell'attacco, per cui è molto duttile. La Juventus è un club che rispettava a pieno questi criteri, così abbiamo iniziato a trattare".

La Juventus è una squadra inarrestabile tra le mura amiche e in netta espansione in Europa. Vi ha convinti anche questo?

"Il calcio femminile, in questo momento, sta decollando molto velocemente; la Juventus appare davvero come una squadra molto professionale. A causa dell'incombenza dell'Europeo sono stati organizzati call e meeting online, ma dopo il primo colloquio con Stefano Braghin e Joe Montemurro c'è stato un ottimo feeling. Credo sia la cosa più importante".

Lineth, oltre a quella bianconera, ha avuto altre offerte?

"Sì, c'erano diverse offerte. Anche se non ha giocato tutte le partite negli ultimi sei mesi, è ovviamente campionessa tedesca con il Bayern, campionessa d'Europa e vice campionessa del mondo con la nazionale olandese. La sua velocità può far impazzire i difensori, farà la differenza".

Hai accennato alla mancata volontà del Bayern di non rinnovarle il contratto, come mai?

È stata una decisione avvenuta in maniera reciproca, con rispetto e professionalità tra le parti. Ha trascorso cinque anni a Monaco, durante l'ultima stagione ha avvertito che a questo punto della sua carriera - ora ha 25 anni - vuole ancora crescere molto e può farlo solo giocando. La stuzzicava vivere una nuova sfida in un ambiente diverso. Lineth è estremamente concentrata sul migliorare se stessa".

La Juventus, in questa stagione, cercherà di migliorare i risultati della stagione precedente. Quali saranno gli obiettivi di Lineth con questa nuova maglia?

"Vuole giocare il più possibile in UWCL, aiutando le compagne a dominare ancora in Italia. Vorrà essere efficiente in qualsiasi posizione in cui giocherà, riuscendo così a fare tanti gol e assist. E' ambiziosa, ha l'obiettivo di portare in alto la sua squadra".

Lineth è la prima calciatrice olandese nella storia della Juventus. La presenza di de Ligt potrebbe essere importante per ambientarsi meglio a Torino?

"Non credo, anche se de Ligt è un giocatore fantastico e se avesse del tempo libero per parlare con Lineth sarebbe meraviglioso. Ma ovviamente le due squadre si allenano in sedi diverse e giocano le partite in stadi diversi. Non parlava una parola di tedesco quando si è trasferita al Bayern e ora lo parla correntemente, mi aspetto che faccia lo stesso in Italia. E, naturalmente, il cibo e la cultura italiana sono tra i migliori in Europa, quindi non mi aspetto delle difficoltà di ambientamento".

Per chi la conosce poco, quali sono le migliori qualità di Lineth?

Penso che Lineth sia una persona calma e riservata, ma che porti anche molta energia e divertimento in una squadra. Ha un grande sorriso e sa come influenzare l'atmosfera della squadra. Le è stato detto nella trattativa che la Juve è una famiglia ed è molto importante per lei, così come lo sono le sue stesse persone care. E ha un'incredibile conoscenza del calcio. Può analizzare ogni partita che vede in pochi minuti e ha un grande occhio per la strategia: è in grado di far male l'avversario. Coach Montemurro ha detto che la sfiderà per quanto concerne le sue posizioni da tenere in attacco. Ma penso anche Lineth lo sfiderà - in senso buono - perché ha un occhio acuto, anche in una partita, e di sicuro gli parlerà di ciò che vede".

Si ringrazia Herbert Cool per la cortesia e la disponibilità dimostrata in occasione di questa intervista.