Trezeguet: "2006 più difficile da gestire e noi lo abbiamo gestito benissimo nello spogliatoio. La Juve avrà sempre nostro aiuto e disponibilità"

30.11.2022 23:15 di Redazione TuttoJuve Twitter:    vedi letture
Trezeguet: "2006 più difficile da gestire e noi lo abbiamo gestito benissimo nello spogliatoio. La Juve avrà sempre nostro aiuto e disponibilità"
TuttoJuve.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

L'ex bianconero David Trezeguet è intervenuto ai microfoni del Circolo dei Mondiali, sulla Rai. Ecco le sue parole sintetizzate da Tuttojuve.com:

Trezeguet è pronto per la Juventus qualora lo chiamassero?
"Senza nessun dubbio, lo continuo a ribadire. Io ho fatto 10 anni come calciatore, addirittura anche in un momento non semplice per la Juventus. Dopo, grazie alla famiglia Agnelli, sono tornato per fare altri 7 anni come Brand Ambassador e sicuramente dopo questo rapporto che si è creato con la Juventus calcisticamente, la disponibilità ci sarà sempre anche in un altro ambito, non c'è nessun dubbio dalla mia parte. Sicuramente adesso ci sarà un percorso nel quale la Juventus dovrà verificare e trovare le soluzioni giuste. Sul lato sportivo, quel momento che abbiamo conosciuto noi nel 2006 è stato più difficile da gestire, ma lo abbiamo gestito benissimo nello spogliatoio. Adesso si parla d'altro, ci saranno i diversi personaggi a sistemare questo tipo di situazione. Per quanto riguarda me e i giocatori importanti che sono passati alla Juve, sicuramente il nostro aiuto ci sarà sempre e se ci chiamano ci sarà disponibilità, questo al 100%".

La juve ha bisogno di certi giocatori per ripartire?
"Per noi giocatori il modello Bayern Monaco è molto importante, sicuramente bisogna prepararsi, lavorare, gestirsi. In tal senso il Bayern Monaco è un esempio per tutti noi calciatori. Questa è un'idea chiara che ho io perchè ho avuto anche la possibilità di consoscere questa gente. La Juve sa chi ha fatto la storia, sa chi ha dato la disponibilità. Bisogna prepararsi, uno quando diventa dirigente o sta nell'ambito sportivo come dirigente, non è sufficiente che abbia giocato a calcio, anche a livello di laura e di diploma. Questo da parte mia è stato fatto, io vorrei tornare in un'area sportiva, quello che ho fatto alla Juve negli ultimi 7 anni è stato fantastico, perchè il marchio Juve continua a essere in piena crescita".