Renica: "Complicato trovare calciatori con la forte volontà di tenere il risultato fino al 94'. Bonucci e Chiellini spazzano anche in casa quando si deve vincere"

05.03.2021 16:30 di Redazione TuttoJuve Twitter:    Vedi letture
Renica: "Complicato trovare calciatori con la forte volontà di tenere il risultato fino al 94'. Bonucci e Chiellini spazzano anche in casa quando si deve vincere"
TuttoJuve.com

Nel corso di Giochiamo d’anticipo, in onda su Canale 21, è intervenuto l’ex giocatore del Napoli, Alessandro Renica. Ecco le sue parole, riprese da Tuttonapoli: “Commentare il gol subito nel finale dal Napoli è difficile, ai miei tempi una rete del genere non si sarebbe mai presa. Forse questo è anche frutto del calcio attuale, i giocatori ieri dovevano essere con la testa altrove per fare una sciocchezza del genere. Si tratta di qualcosa di difficilmente raccontabile, partendo da Di Lorenzo che batte la rimessa laterale verso il centro invece che in verticale, a Bakayoko che perde palla a metà campo, per finire con Manolas che commette un’ingenuità clamorosa. E’ un mese che questa difesa, cambiando spesso interpreti, è diventata poco affidabile. Adesso è il punto debole del Napoli, quando non c’è Koulibaly o mancano 3-4 elementi è un’altra squadra. Il Napoli, a parte i primi due mesi, non ha mai giocato con la formazione titolare che a inizio anno faceva parlare di Scudetto. Aggiungiamo poi che sono tre mesi che non si fa allenamento tipo di una settimana, con movimenti provati sul campo.

Ricordate Gattuso in campo? Era l’emblema della grinta e della concentrazione. Mi chiedo perché la squadra non riesca a rappresentare quelle che sono le caratteristiche mentali dell’allenatore. I giocatori sembrano svuotati di alcuni valori che ai miei tempi avevano in molti. Trovare calciatori con la forte volontà di tenere il risultato fino al 94' oggi è complicato, non ho onestamente ricordi di una situazione simile a quella di ieri. La Juventus, con Chiellini e Bonucci, quando deve vincere in casa spazza il pallone lontano. Il gioco non sempre è efficace, anche perché quando non ottieni risultati mente e gambe sono più pesanti. Ieri la squadra è stata distratta e presuntuosa. Gli ultimi secondi non sono raccontabili”.