Perugini (Libero): "Grati a Mancini ma giusto non esaltarsi. Gruppo coeso e completo"

19.11.2019 13:10 di Rosa Doro Twitter:    Vedi letture
© foto di www.imagephotoagency.it
Perugini (Libero): "Grati a Mancini ma giusto non esaltarsi. Gruppo coeso e completo"

Francesco Perugini, giornalista di Libero, ha parlato a Radio Sportiva il giorno dopo la vittoria per 9-1 dell'Italia sull'Armenia.

SULLA NAZIONALE DI MANCINI: "Giusto non esaltarsi, ma dobbiamo essere felici e grati a Mancini per quello che ha fatto. Altri gironi di qualificazioni ad Europei o Mondiali non ne ricordo".

SULLE DIFFERENZE CON IL RECENTE PASSATO AZZURRO: "Torniamo con la memoria a 2 anni fa: ricorderete, oltre alla mancata qualificazione, il fatto che l'Italia facesse molta fatica a segnare. Ieri invece l'Italia ha fatto 9 gol come le grandi squadre che puntano anche alla differenza reti".

SUL VALORE DELLA NAZIONALE: "Credo che la mentalità sia mancata, poi bisogna vedere quale sia il vero livello di questa squadra. Non tutti i calciatori azzurri giocano in squadre di primo piano che partecipano alla Champions. Il gruppo però è coeso e completo. Guardate Orsolini: un ragazzo entrato con una tranquillità assoluta segnato un gol e piazzando un assist, segno inequivocabile che il gruppo sia unito".

SULLA FORMAZIONE AZZURRA AD EURO 2020: "Le caselle assegnate sono già tante. C'è un ballottaggio nel ruolo di centrale tra Acerbi e Romagnoli con il laziale in leggero vantaggio. Dubbi sulle fasce difensive, mentre a centrocampo credo che una chance sarà concessa a Castrovilli, che intriga Mancini. In attacco perché scegliere? Belotti è leggermente favorito per il ruolo da titolare ma la concorrenza con Immobile ha fatto bene ad entrambi".