Maldini: "Cardinale aveva decido di licenziarmi mesi prima ma non poteva farlo dopo lo Scudetto. Voleva la Champions"

01.12.2023 12:50 di Rosa Doro Twitter:    vedi letture
Maldini: "Cardinale aveva decido di licenziarmi mesi prima ma non poteva farlo dopo lo Scudetto. Voleva la Champions"
TuttoJuve.com
© foto di www.imagephotoagency.it

In un'intervista a La Repubblica, Paolo Maldini ha raccontato alcuni retroscena sul suo periodo da dirigente al Milan e sul suo rapporto con Cardinale "In un anno con lui, solo una chiacchierata, più 4 suoi messaggi. Diceva che dovevamo fidarci l’uno dell’altro. Io l’ho fatto: come sia andata, è noto. Credo che la decisione di licenziarci fosse stata presa mesi prima e c’era chi lo sapeva. Il contratto, 2 anni con opzione di rinnovo, mi era stato fatto il 30 giugno 2022 alle 22: troppo impopolare mandarci via dopo lo Scudetto".

Che cosa chiedeva Cardinale?
"Di vincere la Champions. Spiegai che serviva un piano triennale. Da ottobre a febbraio l’ho preparato con Massara e con un mio amico consulente: 35 pagine di strategia sostenibile e necessità del salto di qualità, mandate a Gerry, a due suoi collaboratori molto stretti e all’amministratore delegato Furlani".

Maldini parla anche di Tonali: "Avremmo fatto il possibile per non lasciarlo andare. Non siamo mai stati totalmente contrari a una cessione importante, ma non ’era necessità. Per Sandro spendemmo un quinto del valore di dominio pubblico e dovemmo discutere animatamente con Ceo e proprietà: non lo voleva neppure l’area scouting".