BONUCCI A SKY: "Nel primo tempo non eravamo accesi. Nel secondo abbiamo tirato fuori voglia, fame e cattiveria, è questo che ci deve entrare nel cuore"

05.12.2020 20:10 di Andrea Bosco   Vedi letture
BONUCCI A SKY: "Nel primo tempo non eravamo accesi. Nel secondo abbiamo tirato fuori voglia, fame e cattiveria, è questo che ci deve entrare nel cuore"
TuttoJuve.com
© foto di www.imagephotoagency.it

Leo Bonucci commenta il successo nel derby ai microfoni di Sky. Ecco quanto evidenziato da Tuttojuve.com:

Un uno-due terribile, ma quanta sofferenza.
"Grande rispetto per il Torino, ma nel primo tempo quello che hanno fatto lo hanno fatto perchè noi non eravamo accesi: andavamo a 2 all'ora, perdevamo tutti i contrasti, le seconde palle erano sempre loro, passaggi sbagliati, tutti quanti. Quindi loro avevano fatto la loro partita sulle ripartenze e noi gli abbiamo dato modo di farlo nel primo tempo. Nel secondo abbiamo tirato fuori quello che dovremo tirare fuori in ogni partita dal primo all'ultimo minuto: la voglia, la fame, la cattiveria sulle seconde palle, nei contrasti, squadra corta, giocatori che si muovevano. E' questo che ci deve entrare dentro, ma non nella testa, nel cuore".

E' successo qualcosa nell'intervallo? Vi siete parlati?
"Siamo uomini, è questo quello che conta. Non serve dire quello che ci siamo detti, ma lo sappiamo dentro ognuno di noi che bisogna tirare fuori quello che abbiamo tirato fuori nel secondo tempoin tutte le partite".

Gol pesante il tuo perchè forse vi consente di dare una svolta a questo campionato. Dovete iniziare ad avere più continuità.
"E' importante il lavoro di tutti a prescindere dal gol. E' il lavoro di squadra che ci ha portato negli anni a vincere e che dobbiamo ritrovare come fatto nel secondo tempo, quella voglia lì. Sì, il mio gol ci permette di dare continuità alle vittorie che ti danno autostima e ti danno fiducia, ma se poi non entra dentro di ognuno di noi quella voglia di tirare fuori il cuore, di andare oltre gli ostacoli, possiamo stare qui a parlare, ma quello che bisogna mettere in campo è il cuore".