ALLEGRI alla DS: "Dobbiamo riportare la Juve alle posizioni che merita. La pressione è normale, col Maccabi sfida difficile"

02.10.2022 23:55 di Rosa Doro Twitter:    vedi letture
ALLEGRI alla DS: "Dobbiamo riportare la Juve alle posizioni che merita. La pressione è normale, col Maccabi sfida difficile"
TuttoJuve.com
© foto di Federico De Luca 2022

Dopo il successo contro il Bologna, Massimiliano Allegri ha analizzato così la prestazione della Juventus ai microfoni de La Domenica Sportiva: "Dobbiamo cercare di continuare nel migliore dei modi. Non era facile per il momento, i ragazzi sono stati bravi e non hanno forzato la mano, creando molte occasioni, soprattutto nel secondo tempo".

Qual è l'obiettivo della Juve?
"L'obiettivo è sempre cercare di vincere. Mettiamo grande impegno nel cercare di portare la Juve nelle posizioni che le competono, ma ci sono anche altre squadre. Vincere è una cosa straordinaria, la Juve l'ha fatto per 9 anni, bisogna avere entusiasmo e tenere i piedi a terra, senza farsi prendere da isterismi".

Queste settimane sono state tormentate per voi?
"È normale, siamo alla Juventus e c'è pressione. È stata una bella vittoria, i ragazzi hanno dimostrato grande personalità e grande gestione della partita. A livello mentale sono stati molto bravi".

C'era ansia alla vigilia?
"Ce n'era meno rispetto al passato. Ho detto ai ragazzi di non strafare e di mettersi a disposizione della squadra, che poi il gol sarebbe arrivato".

Su cosa vi siete concentrati maggiormente durante la sosta?
"Non sulla parte atletica perché i ragazzi sono arrivati due giorni fa (ride, ndr). Chi è rimasto qui ha lavorato bene. In questo momento bisogna fare le cose in maniera semplice".

Ora c'è la sfida con il Maccabi.
"Non sarà semplice, il Maccabi ha dato filo da torcere al PSG e al Benfica. Sarà una partita da vincere sul campo e non sarà semplice".

C'è un'alchimia da ricostruire con i tifosi?
"Fa parte dei cicli: quando vinci per tanti anni ti abitui così, e quando perdi sembra un pericolo mortale. I tifosi sono stati bravi a starci vicini, è normale che qualche fischio ci fosse all'inizio, i ragazzi sono stati bravi a trasformarli in applausi"

Ha ritrovato una panchina più lunga.
"Avere tutti a disposizione mi rende più facile la gestione nel minutaggio e nei cambi".