Qui Tuttosport - Ronaldo e quel titolo profetico. Tutto lo Stadium per CR7. Gesto Douglas ributtante e rivoltante, misure drastiche della Juve e lunga squalifica. Allegri, Dybala e la prova provata... (VIDEO)

17.09.2018 00:47 di Xavier Jacobelli Twitter:   articolo letto 23443 volte
Qui Tuttosport - Ronaldo e quel titolo profetico. Tutto lo Stadium per CR7. Gesto Douglas ributtante e rivoltante, misure drastiche della Juve e lunga squalifica. Allegri, Dybala e la prova provata... (VIDEO)

Ogni lunedì la redazione di Tuttojuve.com analizza i temi caldi del nostro calcio con una delle firme più autorevoli del giornalismo sportivo italiano, Xavier Jacobelli, direttore di Tuttosport.

"Buonasera dalla redazione di Tuttosport. Questa è la bozza della prima pagina in edicola domani e come vedete crediamo che la fotografia e il titolo parlino da soli: l'urlo di gioia di Ronaldo e quel titolo 'Io sono qui!', per significare come questo straordinario fuoriclasse abbia rotto il ghiaccio, segnando i suoi primi due gol nel campionato italiano, rispettivamente il numero 677 e 678 della sua incredibile, eccezionale carriera. Stamane avevamo titolato: 'Ronaldo tocca a te', pubblicando la foto del fuoriclasse portoghese insieme con Mandzukic. Questo titolo è stato e si è rivelato profetico. E' stata una bella Juventus quella che ha sconfitto un bel Sassuolo, disposto tatticamente in maniera sagace da De Zerbi, che si conferma uno dei tecnici più interessanti in questa fase iniziale del campionato. Una bella Juventus che è stata più forte del gesto ributtante, assolutamente inqualificabile e intollerabile di Douglas Costa che è stato espulso, dopo aver rimediato la reprimenda dell'arbitro e soprattutto dopo aver sputato a Di Francesco. Un gesto veramente ributtante e rivoltante, che ha indotto la Juventus a prendere misure drastiche: molto probabile una pesantissima multa nei confronti del giocatore brasiliano, che si vedrà appioppare anche una maxi squalifica. Tanto è vero che l'ira di Allegri dopo la partita era assolutamente comprensibile. Si parla di 3-4 giornato, vedremo cosa deciderà il giudice. Ma al di là dell'episodio assolutamente inaccettabile, che squalifica il giocatore nel senso letterale del termine, che non trova nessuna giustificazione, rimane la soddisfazione della Juventus per questa quarta vittoria consecutiva che la proietta in classifica a punteggio pieno, con un Napoli che è tornato prepotentemente alla ribalta grazie alla vittoria con la Fiorentina, propiziata dal gran gol di Insigne. A dimostrazione che le critiche piovute sui partenopei dopo la sconfitta di Marassi - peraltro meritata, peraltro maturata contro una signora Samp che è andata a vincere per 5-0 a Frosinone -, fossero quantomeno ingenerose. Sicuramente eccessive, perchè la saggezza e l'equilibrio di Ancelotti hanno consentito al Napoli di cogliere un successo molto prezioso contro una giovane Fiorentina, la squadra più giovane del campionato, che dispone di grandi margini di miglioramento. Tengono banco i momenti no dell'Inter e della Roma che si avvicinano a grandi passi al debutto in Champions League in questa stagione. Un debutto che per l'Inter significa il ritorno nella massima competizione continentale dopo 6 anni e mezzo dall'ultima partita giocata, e per la Roma il ritorno dopo la semifinale del torneo, guadagnata nella splendida campagna europea che si è lasciata alle spalle la squadra di Eusebio Di Francesco. Ma come il Chievo ha dimostrato, ha problemi di amalgama. D'altra parte quando una squadra viene rinnovata in misura così larga, c'è bisogno di tempo. Il Milan ha pareggiato a Cagliari grazie all'orgoglio e al guizzo di un attaccante fenomenale quale è Gonzalo Higuain. Non è una sorpresa, se il Milan riuscisse - e presumibilmente ci riuscirà - a servire meglio l'ex juventino, troverà molte soddisfazioni. La Juventus si prepara alla trasferta di Valencia consapevole di quanto sia importante Cristiano Ronaldo, di quanto Dybala possa giocare insieme a Cristiano Ronaldo e Mandzukic. Dipenderà anche dalle partite, dallo stato di forma dell'argentino, ma è importante per lo stesso Dybala aver avuto la prova provata di essere tenuto in grande considerazione da parte di Allegri. E dipenderà soltanto da Dybala guadagnarsi un posto da titolare accanto ad un Cristiano Ronaldo strepitoso, che ha letteralmente incendiato di entusiasmo lo Stadium, esaurito tutto per lui, per essere testimone dei suoi gol, in una Serie A che Cristiano Ronaldo ha già conquistato con la sua eccezionale bravura e con la sua straordinaria umiltà. Grazie per la vostra attenzione, un caro saluto da Tuttosport. Appuntamento in edicola".

Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link: Installa Flash.
Il direttore di Tuttosport, Xavier Jacobelli