ESCLUSIVA TJ - Tesser: "Sorpreso da Frabotta. Pirlo non è una scommessa. Morata il partner giusto per Ronaldo"

22.09.2020 18:30 di Quintiliano Giampietro   Vedi letture
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
ESCLUSIVA TJ - Tesser: "Sorpreso da Frabotta. Pirlo non è una scommessa. Morata il partner giusto per Ronaldo"

Gianluca Frabotta è stato la sorpresa assoluta nella Juventus che ha esordito contro la Sampdoria in campionato. Nella stagione 2018/2019 il 21enne difensore ha giocato nel Pordenone di Tesser che proprio in quell'anno ha ottenuto la promozione in Serie B. Sul 21enne bianconero e non solo, il tecnico dei friulani è intervenuto in esclusiva a TuttoJuve.com.

Domenica sera è rimasto sorpreso quando ha letto il nome di Frabotta tra i titolari della Juventus?

"Sono rimasto un po' sorpreso dalla velocità con cui Pirlo lo ha schierato titolare. Il ragazzo ha qualità importanti, ma è giovane e deve crescere sotto il profilo dell'esperienza e della personalità".

Che tipo di giocatore è Gianluca?

"Ha un buon sinistro, una tecnica molto elevata. Bravo in fase offensiva, quindi ottimo come quinto di un centrocampo, deve migliorare in quella difensiva. Mi impressiona la serenità con cui gioca, ha la testa giusta per fare il professionista".

Frabotta può diventare un campione?

"E' presto per dirlo. Non avevo dubbi che potesse arrivare a livelli medio-alti in Serie A, ma sono sorpreso che sia già nella prima squadra della Juventus. Bravo Pirlo a buttarlo dentro, evidentemente lo aveva già seguito nell'Under 23 e ne è rimasto colpito".

Lei è un allenatore che viene dalla gavetta. Qualcuno definisce la scelta di Pirlo una scommessa da parte della Juventus. La sua idea?

"Secondo me non è una scommessa, Pirlo alla Juventus ci sta. Lui, seppur da giocatore, ha un'esperienza a livello mondiale. Sicuramente si sarà confrontato con i senatori, suoi ex compagni di squadra. La dirigenza bianconera lo ha ritenuto all'altezza, ora la parola spetta al campo. Dalla prima gara contro la Sampdoria ha dimostrato di avere le idee chiare".

Dopo aver atteso Dzeko, bloccato dal mancato arrivo di Milik alla Roma, la Juventus ha virato su Morata. E' l'attaccante giusto?

"Dzeko era la prima scelta. Morata ha caratteristiche diverse dal bosniaco, ma la Juve ha scelto un suo usato sicuro, avendolo già avuto. Lo spagnolo è un ottimo giocatore e credo sia l'attaccante giusto per Ronaldo".

Nello scorso campionato di Serie B, il suo Pordenone si è fermato alle semifinali dei playoff. Rimpianti?

"In generale mi auguro di avere sempre rimpianti, significa aver fatto bene. Obiettivamente un po' di rammarico c'è perché avremmo meritato almeno di giocarci la finale con lo Spezia. La stagione è stata comunque straordinaria. Resettiamo tutto e pensiamo alla prossima che scatterà nel week-end".

Con quali obiettivi?

"Questa è la stagione della conferma, quindi più difficile della prima, in cui siamo stati la sorpresa. Come base bisogna partire con l'obiettivo salvezza, come ha fatto negli ultimi anni l'Atalanta. E' chiaro che almeno puntiamo ad arrivare ai playoff. Parlare di Serie A sarebbe sbagliato".

Tornando a Frabotta, il suo nome è stato accostato al Pordenone...

"Non c'è nulla di vero. In quel ruolo siamo coperti"