Danilo: "Pirlo? In campo era un giocatore unico. Da allenatore capisce davvero la mentalità dei giocatori in campo, conosce la Juve e sa come trasmettere il suo messaggio"

16.09.2020 21:30 di Andrea Bargione Twitter:    Vedi letture
© foto di Image Sport
Danilo: "Pirlo? In campo era un giocatore unico. Da allenatore capisce davvero la mentalità dei giocatori in campo, conosce la Juve e sa come trasmettere il suo messaggio"

Il difensore brasiliano della Juventus Danilo ha rilasciato un'intervista alla Fifa, parlando di diversi temi: da Ronaldo a Pirlo, passando per Zidane e Guardiola. Ecco la sue parole sul primo anno alla Juve"Lo considero un buon anno. È stato un anno di adattamento. Ho lasciato la Premier League, che è molto diversa dal campionato italiano tatticamente e fisicamente. Ho cercato di adattarmi il più rapidamente possibile. Ho giocato tante partite, siamo riusciti a vincere lo Scudetto, ma è chiaro che alla Juventus l'obiettivo è vincere la Champions League e non ci siamo riusciti. Spero che il mio secondo anno possa essere migliore e di evitare altri infortuni".

Pirlo da giocatore...: "Era un giocatore unico. Non era il più veloce, ma era un grande pensatore e aveva qualità indiscutibili con la palla. In realtà, ha partecipato a un paio di sessioni di allenamento negli ultimi giorni ed è ancora incredibile: la sua visione, la tecnica. Se abbiamo qualche infortunio, chi lo sa? (ride) Dal punto di vista delle capacità, può ancora farlo. ...E da allenatore: "È davvero rilassato. Capisce la mentalità dei giocatori in campo visto che ha smesso di giocare da poco. Conosce molto bene la Juventus. Sa come trasmettere il suo messaggio, parlare ai giocatori uno contro uno, per ottenere il meglio da loro. Ha applicato alcune idee tattiche davvero buone ed è chiaro su come vuole che giochi la sua squadra, cosa che mi piace molto. I primi giorni con Andrea sono stati davvero positivi".

Cosa pensi di Cristiano Ronaldo? "Cristiano è un grande indiscutibile. Quello che fa nelle partite, le sue statistiche, dicono tutto. È estremamente competitivo in allenamento e questo si riflette nelle partite. Ha tante qualità. Forse ciò che lo distingue è che è bravo in ogni aspetto del gioco. Ed è davvero un ragazzo fantastico. Ho un ottimo rapporto con lui: siamo stati due anni al Real Madrid e ora alla Juventus. Parliamo di tutto. Ha un lato molto umano. Chiede sempre cose sul Brasile. Ad esempio, durante il COVID ha chiesto spesso com'era la situazione in Brasile. Se ne preoccupa. È molto umano, davvero gentile".

Su Zidane-Guardiola: "Erano totalmente diversi nel modo in cui lavoravano, ma sono state entrambe esperienze estremamente positive per la mia crescita. Zidane è molto calmo, genuino, carismatico. Ottiene il meglio dai giocatori facendoli sentire a proprio agio. È stato davvero bello lavorare con lui ed è stato un periodo di grande successo per il Real Madrid. Ho un ottimo rapporto con lui. Guardiola è l'opposto. È molto intenso e ottiene il meglio dai suoi giocatori attraverso l'intensità. Ho passato due anni con lui, è stato anche un periodo di successo dal punto di vista dei risultati, e mi ha aiutato con questa intensità, a dare il massimo sempre. È così che lavora".

Spagna, Italia e Inghilterra: quale campionato consideri il migliore? È difficile da dire. Sono campionati molto diversi. In termini di qualità, la Spagna. Indipendentemente dal fatto che sia una squadra grande o piccola, cercano sempre di attaccare, sfruttare le debolezze degli avversari, vincere e giocare a calcio. In Inghilterra è davvero fisico, passionale, intenso. L'azione non si ferma. È uno stile di calcio che ho davvero amato. E in Italia è molto tattico, un po 'più intelligente, ponderato. È difficile [per gli attaccanti] trovare spazio. Ognuno è amato per le sue caratteristiche"