DA ZERO A DIECI - MOMENTI DA ZERO, PORTIERE DA DIECI

16.07.2020 19:40 di Massimo Pavan Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
DA ZERO A DIECI - MOMENTI DA ZERO, PORTIERE DA DIECI

L'incubo di una nuova rimonta, il rischio di una sconfitta scacciato alla fine, punto guadagnato o due punti persi? La Juventus esce da Reggio Emilia con il pensiero che il campionato non è vinto, ma non è nemmeno perso. E' innegabile, tuttavia che serva molto altro alla Juventus per vincere il campionato.

ZERO - al nuovo recupero subito, la Juventus non può permettersi di subire tre gol dallo 0-2, come con il Milan, una situazione che non è minimamente da Juventus.

UNO - come i gol segnati da Gonzalo Higuain, l'unico attaccante ad andare in gol, ieri gli attaccanti non hanno fatto del tutto quello che gli si chiedeva risultando meno efficaci.

DUE - i punti che ha rosicchiato l'Atalanta e probabilmente rosicchierà l'Inter, l'impressione è che i bianconeri abbiano perso qualcosa.

TRE - come i gol subiti, i bianconeri, troppi praticamente inaccettabili per una squadra che vuole vincere lo scudetto.

QUATTRO - alla difesa sul 3-2 del Sassuolo, lasciare libero Caputo di segnare indisturbato senza marcarlo è un errore identico a quello visto contro la Lazio e non ammissibile. Al centrocampo. Ancora un errore in ripartenza, che compromette la partita, non abbiamo visto nulla di quello che ci piace.

CINQUE - a Sarri, poco carico, poco convinto, poco tutto, un pò pure in confusione. Deve riprendersi o rischia una rimonta che farebbe la storia in negativo.

SEI - a Ronaldo. Non incide, sbaglia molto e si perde lungo la calda via Emilia, un calo comprensibile ma anche errori che non ci aspettiamo da un calciatore come lui.

SETTE - a Dybala. Entra ed accende la gara, non si poteva metterlo prima?

OTTO - a De Ligt. Non ci dispiace e soffre con una spalla malconcia, ieri anche se la difesa ha preso tanti gol, ha tenuto, comunque, su il reparto, non era per niente semplice.

NOVE - come i punti che servono alla Juventus per vincere il titolo e come i gol presi in tre partite. 

 DIECI - a Szczesny. Il portiere polacco si regala e ci regala una serie di parate increibili, una serie di interventi prodigiosi che però mostrano come la Juventus abbia concesso troppo, cosa inammissibile. Si riscatta dopo la prova così così con il Milan.