CEFERIN ALTRO AUTOGOL

10.07.2021 07:00 di Massimo Pavan Twitter:    vedi letture
CEFERIN ALTRO AUTOGOL
TuttoJuve.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Non è un periodo ideale per la Uefa, dopo il caos Superlega e la sconfitta anche politica con sanzioni promesse e poi impossibili da attuare. 

La Juventus è uscita bene, anzi benissimo dal confronto con la Uefa e parteciperà alla prossima Champions, da capire se in futuro ci saranno o meno sanzioni, ma da quello che dice il tribunale di Madrid, è molto probabile che il comportamento della Uefa possa essere considerato come lesivo della concorrenza.

Nel frattempo, però, i problemi della Uefa non si fermano e Aleksander Ceferin, presidente della UEFA, deve fronteggiare i problemi anche organizzativi, l'edizione itinerante non è piaciuta ed i commenti sono stati più che negativi.

Lo stesso Ceferin ha chiuso le porte ad una nuova edizione degli Europei in forma itinerante, come questo Euro 2020. L'annuncio è arrivato ai microfoni di BBC Sport: "Se lo chiedete a me vi dico che io non supporterei nuovamente un Europeo itinerante perché penso che sia troppo impegnativo e in un certo senso scorretto. Alcune squadre devono percorrere più di diecimila chilometri e altre solo mille per esempio, e questo non è giusto per i tifosi. Alcuni tifosi dovevano essere a Roma ed entro un paio di giorni dovevano raggiungere Baku, così non va bene. E' un'idea interessante, ma difficile da realizzare. Non credo che lo rifaremo in futuro".

Facile pensarci con il senno di poi, forse la logica più interessante sarebbe stata quella di avere sedi fisse per i gironi e poi lo stesso per gare che si affrontano in alcune location. In ogni caso, se questa gestione è approssimativa, la colpa è tutta degli organizzatori che sicuramente non hanno pensato a quelle che potevano essere le conseguenze per una competizione che avrebbe dovuto garantire lo stesso trattamento per tutti e che alla fine non ha garantito.

Clicca qui, segui Massimo Pavan su twitter per interagire con Massimo sulle ultime di mercato e sulla Juve