BRAGHIN A SKY: "Staskova è un'operazione anticipata. Chi prenderei? Debinha mi ha impressionato, ma anche Buchanan e Press"

05.07.2019 21:00 di Alessandro Vignati   Vedi letture
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
BRAGHIN A SKY: "Staskova è un'operazione anticipata. Chi prenderei? Debinha mi ha impressionato, ma anche Buchanan e Press"

Intervenuto a Sky, il direttore generale della Juventus Women Stefano Braghin ha parlato delle bianconere e non solo. Ecco quanto evidenziato da TuttoJuve.com.

Come hai vissuto questo Mondiale?

"Con grande interesse a livello personale e professionale. E' stato un bel momento, finchè son rimaste dentro non solo le nostre ragazze ma anche le altre".

Ti saranno spesso fischiate le orecchie sul mercato da noi...

"Sì ogni tanto mi son fischiate...".

Cosa pensi degli USA?

"Grande squadra, completa in tutti i settori e detentori. Però le olandesi sono forti e hanno colpi individuali, potrebbero ribaltare il pronostico".

Vedere l'Olanda in finale ci fa meno male...

"Sì, da valore al nostro cammino. Per tre quarti di gara ce la siamo giocata alla pari con occasioni. Non c'è grande differenza, è un tributo in più alle nostre ragazze".

Ci sono ultimamente polemiche dopo l'esultanza della Morgan...

"Avrebbe creato polemiche anche nel maschile, viste le tensioni centenarie tra Inghilterra e USA. Poteva essere più delicata, ci vuole rispetto per chi perde".

Cosa pensi dell'atteggiamento delle americane verso Trump?

"Quando vinci il Mondiale giochi per la tua nazione. E' una chiusura negativa per le future generazioni, non parlarsi genere situazioni tristi storicamente parlando. Io andrei facendo vedere chi ha torto in queste situazioni".

C'è qualcuna che porteresti in Italia?

"Sicuramente Debinha è molto forte, in Europa la conosciamo bene. Mi piace la Press degli USA, attaccante che mi ha colpito e Buchanan del Canada. E aggiungo Jackie Groenen, ovviamente".

Sulla Staskova che dici?

"L'abbiamo seguita un annetto, non era semplice vista la concorrenza. Abbiamo dovuto anticipare l'operazione per non perdere il treno".

Che emozioni hai provato nel vedere le Azzurre da Mattarella? Hai pensato al percorso fatto per questo?

"Sono molto contento per loro. In questi due anni mi sono reso conto del cammino fatto, in pochi ci credevano. I tributi sono giusti, un premio alla capacità e coraggio. E' stata dura nuotare controvento e controcorrente. Sono felice per loro".

L'Atalanta Mozzanica non ci sarà l'anno prossimo...

"Dispiace, avevano il supporto di un club professionistico e non è scontato. Sono realtà storiche che non hanno capacità di reggere e dispiace. Forse viene il dubbio di non aver fatto tutto per il meglio".

Rivederemo Barbara Bonansea alla Juve?

"Sì, io ho staccato il telefono e anche lei".

Ti abbiamo citato al gol di Yaya Galli...

"E infatti le dicevo di tirare da fuori, ha un tiro straordinario. Non lo faceva, poi abbiamo scommesso e ho capito... E' un profilo da calcio europeo, giocatrice incredibile".

Cosa ti aspetti dal 2019/20?

"Tanta gente a vedere le partite, tante bambine a giocare a calcio. Sono i due motori per il movimento, siamo sulla buona strada".

Il raduno per quando è fissato?

"Il 25 luglio".

E per chi ha fatto il Mondiale?

"Abbiamo concesso bonariamente due giorni in più. Con Rita Guarino è stata dura contrattare".