ALLEGRI ALZA BANDIERA BIANCA

13.02.2024 09:00 di Massimo Pavan Twitter:    vedi letture
ALLEGRI ALZA BANDIERA BIANCA
TuttoJuve.com
© foto di www.imagephotoagency.it

Massimiliano Allegri alza bandiera bianca ma forse l'aveva già alzata, la sconfitta contro l'Udinese certifica che quello che avevamo già detto da tempo. Questa squadra deve guardare al quarto posto che è la sua dimensione. 
Sorprendono alcune parole di Allegri: "Durante l'annata ci sono questi momenti, il primo tempo era stato buono. L'Udinese è una squadra fisica e tecnica, non era facile giocargli contro. Non è un momento facile per noi, bisogna stare sereni, siamo secondi ma dobbiamo resettare e fare punti per raggiungere il nostro obiettivo. La nostra squadra è stata costruita con tanti giocatori con poca esperienza per vincere il campionato, dobbiamo uscire rinforzati da questa situazione. In questo momento qui essere nervosi o pensare ai rimpianti non serve a nulla. Dobbiamo pensare a lavorare. Sono perfettamente d'accordo, gli inserimenti sono stati pochi, abbiamo crossato da trequarti, soprattutto nel secondo tempo. Nel primo tempo avevamo un uomo in più a sinistra, ma nella parte destra poi dovevi andare a chiudere l'azione. Abbiamo avuto situazioni favorevoli, ma poi se non sblocchi la partita.... su una punizione dove loro sono molto bravi, hanno grande fisicità...  L'Udinese è una squadra che aveva fatto 13 pareggi fuori casa e aveva perso solamente 4 volte su 12 partite. Ha fatto 7 pareggi e una vittoria oggi. Dispiace perchè abbiamo perso l'imbattibilità in casa, non abbiamo allungato sulla quinta e quindi ora bisogna rimboccarsi le maniche, riprende a lavorare e mettere gli occhi su quello che è il traguardo Champions. E' normale che l'ambizione di stare dietro l'Inter per noi era uno stimolo importante, detto questo l'Inter sta facendo una stagione straordinaria e c'è da fargli i complimenti, ma è stata costruito anche per quello, non da quest'anno ma credo da quando è arrivato Conte, dopo che hanno vinto lo Scudetto. Credo sia una cosa normale. La Juventus quest'anno, da due anni, ha iniziato un percorso diverso e quest'anno l'obiettivo di ritornare in Champions, anche se l'anno scorso eravamo arrivati, è primario

Sorprende la valutazione del primo tempo, non siamo d'accordo nel definirlo buono, anzi ci è sembrato negativo con troppi errori e poca cattiveria. 

Su una cosa siamo d'accordo, vale a dire che bisogna stare in silenzio: "C'è stata l'occasione di Yildiz, un paio di situazioni favorevoli, ma in questo momento dobbiamo stare in silenzio e pensare ai punti che ci mancano per il quarto posto. Sono dispiaciuto molto perché abbiamo fatto un punto in tre partite, stasera il primo tempo è stato buono. E' stata partita lenta, loro rallentano con fisicità. Quando ci sono le occasioni devi fare gol. Abbiamo avuto difficoltà a costruire nella ripresa. Questi momenti capitano, dobbiamo stare sereni. Ci sono tante partite e dobbiamo raggiungere l'obiettivo della quota Champions. Dobbiamo reagire. Sicuramente un punto in tre partite nessuno se lo sarebbe aspettato, magari ne avevamo fatti di più rispetto alle previsioni e all'idea di tutti. Ci può essere un momento di down e va tolto il più in fretta possibile. Momento così, il calcio va preso per quello che è. Ora lavorare e pensare al Verona, non sarà facile".

Clicca qui; Segui Massimo su twitter per interagire con Massimo sulle ultime di mercato e sulla Juve