IL SANTO DELLA DOMENICA- IL 2022 SARA' L'ANNO DELLE SCELTE. E NON POTRANNO PIU' ESSERE SBAGLIATE

02.01.2022 00:15 di Alessandro Santarelli   vedi letture
IL SANTO DELLA DOMENICA-  IL 2022 SARA' L'ANNO DELLE SCELTE. E NON POTRANNO PIU' ESSERE SBAGLIATE

Cosa chiedere al 2022? Intanto una cosa semplice, la normalità, quella normalità che da ormai 2 anni abbiamo smarrito e che rimpiangiamo come non mai. Tornare ad essere normali sarebbe la cosa più bella che ci potrebbe capitare in questi 365 giorni. Il discorso si può tranquillamente estendere anche alla Juventus, che da qualche tempo ha smarrito la via della “normalità”. Che non vuol dire vincere per forza, ma programmare e seguire una linea logica si.

La sensazione è che con grande fatica si stia provando a rimettere la barca in asse, ma la tempesta è ancora lontana dal finire. Il mare sembra essere più calmo, almeno in campionato, ma sul fronte idee le onde sono ancora alte. E il riferimento va anche alle ultime situazioni di mercato. Ancora non sappiamo come andrà a finire la questione Morata, ma è chiaro che la società ha già fatto una scelta: lo spagnolo non verrà riscattato. Opzione che probabilmente sarebbe stata più logica  nel giugno scorso. Perché se adesso con il Barcellona non si troverà la quadra, e se non verrà individuato un attaccante alternativo, con quale spirito resterà a Torino Morata? Le caratteristiche della punta ex Real erano già note, che non fosse un bomber da 20 25 gol in campionato lo si sapeva e certamente non ci si può dire oggi stupiti.

Proseguiamo con le idee: chi eventualmente al posto di Morata? Leggendo i profili indicati non si trova un giocatore con le caratteristiche simili all’altro; si passa da Scamacca a Depay, da Icardi a Milik….Certamente l’attaccante di gennaio non sarà quello su cui puntare definitivamente per i prossimi anni, ma è altrettanto vero che la scelta non si può sbagliare, la rincorsa al quarto posto passa proprio dal trovare più gol e una punta cinica sotto porta, considerando inoltre che purtoppo al momento non si può contare sulla continuità di Dybala. A proposito  dell’argentino, ci sarà da attendere sino a febbraio per la chiusura ( o meno) della situazione rinnovo. Tra un rinvio e l’altro, la Juventus ha confermato ad Antun che non saranno cambiate le carte in tavola, su Dybala si punta eccome, ma una piccola rivisitazione delle cifre sembra logica nonchè doverosa alla luce dei continui infortuni del numero 10 bianconero.

Il 2022 potrebbe portare novità anche sul fronte dirigenziale. Un direttore sportivo da affiancare a Federico Cherubini in modo da rafforzare definitivamente l’area mercato. Sartori attualmente all’Atalanta piace da tempo, resta anche il profilo di Giuntoli da seguire con attenzione. Sia chiaro, non si tratterebbe di una bocciatura di Cherubini, ma di un potenziamento in vista di scelte, quelle che verranno proprio nel 2022 che non potranno più essere sbagliate.