ESCLUSIVA TJ - Leo Saija consiglia la Juventus e le altre big italiane: "Attenzione al capitano del Belgio Under 17, è già un leader tecnico e carismatico"

01.01.2020 21:45 di Redazione TuttoJuve Twitter:    Vedi letture
ESCLUSIVA TJ - Leo Saija consiglia la Juventus e le altre big italiane: "Attenzione al capitano del Belgio Under 17, è già un leader tecnico e carismatico"

Il procuratore sportivo Leo Saija, coadiuvato dal suo collaboratore e talent scout Simone Abate, sempre alla scoperta di talenti in rampa di lancio nel panorama calcistico internazionale, consigliano un promettente centrocampista alle big del calcio Italiano: 
"Marco Kana, appena 17 enne capitano del Belgio Under 17. Giovanissimo mediano di interdizione ed impostazione, un ottimo prospetto che allo stesso tempo, nonostante la giovanissima età,  sa svolgere in campo egregiamente entrambe le fasi, la sua duttilità tattica lo rende abile sia nell’ interdizione che nel ribaltare l’azione sul fronte offensivo grazie ad una pregevole visione periferica con lanci e precisi cambi di gioco,  sfruttando le proprie qualità con la palla tra i piedi. Kana è senza dubbio già un punto di riferimento per i compagni, un leader anche dal punto di vista carismatico oltre che tecnico. L’Anderlecht lo ha preso sotto la sua ala protettiva già alla tenera età di 7 anni, e nelle giovanili del club fiammingo si è sempre messo in ottima luce, bruciando spesso le tappe e giocando anche sotto età nella formazione Under 18. Ad Aprile è arrivata la firma del suo primo contratto da professionista, e il direttore del settore giovanile del club biancomalva, Jean Kindermans, si è definito felice e orgoglioso del fatto che Kana abbia sposato il progetto-Anderlecht, respingendo le avances di Standard Liegi e Genk. Marco è già capitano e leader indiscusso della formazione Under 18, segno che l’ Anderlecht punta forte sui giovani di qualità. Come accennato, Kana è un mediano tecnico, ma allo stesso tempo solido e ordinato, presenza costante, anche e soprattutto, in fase di copertura, un ottimo recuperatore di palloni che in fase di non possesso diventa una sorta di difensore centrale aggiunto, dotato di un’ ottima struttura fisica e atletica. Il senso della posizione e l’elevata capacità di sviluppare l’azione con personalità e velocità di pensiero gli fanno sopperire ad una rapidità nello spazio breve non proprio eccelsa. Dotato di un buon tiro, da provare più frequentemente per diventare più concreto anche in zona offensiva, può diventare propositivo anche in zona goal. Senza dubbio la maggior parte del fulcro del gioco passa attraverso le sue giocate, in quanto durante le gare tocca una quantità industriale di palloni con una percentuale notevolissima di precisione nei passaggi, ed in più, pur essendo alto “appena” 178 centimetri, è fisicamente ben dotato con una muscolatura già formata da atleta, dote che lo porta a vincere in alta percentuale i duelli corpo a corpo e che gli consente di perdere ben pochi contrasti. Il suo ruolo naturale e che viene a lui più congeniale, dal punto di vista tecnico-tattico, è quello di vertice basso in un 4-3-3, ma può benissimo agire anche in un centrocampo a 4 grazie alla sua grande duttilità nonostante la tenera età. Con Marco Kana il Belgio spera di proseguire la generazione di giovani talenti che negli ultimi anni sono diventati anche la colonna portante della Nazionale maggiore che tanto bene ha fatto negli ultimi Mondiali in Russia".