ESCLUSIVA TJ - Beniamino Vignola: "Risultato di Kiev spazza via le nuvole, il neopatentato Pirlo è all'altezza di questo bolide. Morata? Ha vissuto una serata alla Paolo Rossi"

21.10.2020 13:30 di Mirko Di Natale Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
ESCLUSIVA TJ - Beniamino Vignola: "Risultato di Kiev spazza via le nuvole, il neopatentato Pirlo è all'altezza di questo bolide. Morata? Ha vissuto una serata alla Paolo Rossi"

"Nel calcio la cosa più importante è ottenere dei risultati, perché solo così puoi costruire il futuro. Il successo di Kiev è importantissimo perché ha spazzato via le nuvole e ha fatto acquisire ulteriori certezze alla Juve. Poi è sempre difficile giocare in trasferta in una competizione difficile come quella della Champions. Mi è spiaciuto moltissimo per Chiellini, ma il mattatore assoluto è stato Morata". Diversi gli argomenti toccati nel cappello introduttivo da Beniamino Vignola, ex calciatore bianconero, che ai microfoni di TuttoJuve.com analizza al meglio la vittoria di Kiev di ieri sera:

A tuo avviso ci sono stati dei passi in avanti rispetto a Crotone?

"Sì, la Juventus è sempre la Juventus. Possono cambiare gli allenatori e i giocatori, ma chi scende in campo con questa maglia è sempre pronto per vincere nuovamente. Diciamo che fino a ieri c'era qualche dubbio soprattutto sulla prestazione di Crotone, anche per l'inesperienza del suo allenatore. Ma il neopatentato Pirlo si sta dimostrando di essere all'altezza di questo bolide, le difficoltà ci saranno sempre tutto l'anno e le vive anche chi ha più esperienza di lui. Adesso arriverà il Verona, in città sono già preparati per questo evento".

Il Verona non è mai un avversario facile per la Juventus, le ultime sfide lo confermano.

"Esatto, il suo allenatore Juric ha sempre sfoderato grandi partite contro la Juventus. Ha creato una squadra competitiva e sta valorizzando giovani molto importanti, grazie anche al suo lavoro la società è riuscita a reinvestire i soldi guadagnati dalle cessioni per formare un team ancor più di alto livello. Per questo affermo che sarà una sfida non semplice, potrebbe essere un esame importante per acquisire ulteriori certezze".

Due tiri e due gol di Alvaro Morata, che si è ripreso la Juve in Europa a distanza di qualche anno. Come hai giudicato la sua prestazione?

"E' stato semplicemente perfetto, il giocatore è molto valido, prestante, tecnico e molto importante per questa squadra. Ieri ha vissuto una serata alla Paolo Rossi. Pirlo lo conosce bene, lo ha voluto fortemente e sta avendo ragione perché fin qui ha già timbrato più volte il cartellino. Questa Juve però possiede altri giocatori interessanti, dobbiamo solo aspettare che i vari Kulusevski e McKennie esplodano definitivamente". 

E ci sono ancora parecchie defezioni a cui Pirlo deve far fronte.

"Esatto, non dimentichiamoci che ci manca Cristiano Ronaldo e Paulo Dybala non è ancora al meglio, sono due elementi fondamentali di questa squadra. La difesa è ancora un po' ballerina, l'infortunio di Chiellini non ci voleva e speriamo che de Ligt possa rientrare il prima possibile. Bonucci è una costanza, ma per dare il meglio di sé ha bisogno di questi compagni accanto".

Prima non hai citato Chiesa, che ieri ha giocato davvero un buon match. Credi abbia messo il primo tassello per conquistare la Juventus?

"E' un giocatore molto importante, di prospettiva, il suo acquisto è quasi passato sottotraccia visto il periodaccio che stiamo vivendo ma è un colpo di mercato intelligente. In questi due anni può ancor più dimostrare il suo valore, conquistando così definitivamente la Juventus".

Si ringrazia Beniamino Vignola per la cortesia e la disponibilità dimostrata in occasione di questa intervista.