Gazzetta - Una promessa tra la Juve e Guardiola

25.02.2020 08:20 di Redazione TuttoJuve Twitter:    Vedi letture
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
Gazzetta - Una promessa tra la Juve e Guardiola

Per Gazzetta, c’ è un dolce retrogusto nelle parole che Andrea Agnelli dedica a Pep Guardiola. Lo si assapora lentamente, senza fretta. L’attrazione è evidente, quanto la comprensione per le scelte del vate catalano. Il formale rispetto per il contratto di Sarri (2022) è un atto dovuto, invece le attenzioni per il futuro di Pep sono un atto d’amore. La Juve ha avviato il ciclo sarriano, anche per spegnere le voci del feeling con Pep. C’è tempo per prepararsi alla rivoluzione finale, quella del guardiolismo. Nel mezzo ci sono i problemi del City col Fair-Play finanziario e le affermazioni del tecnico, fermissimo nel dichiarare fedeltà al club di Mansour. Chi lo conosce bene giura che Pep è soprattutto legato a Ferran Soriano e Txiki Begiristain, fraterni compagni di viaggio. Prima o poi tornerà in Italia e la Juve spera proprio di poterlo abbracciare, al momento opportuno. Certo, il suo onorario è da top player, supera i 20 milioni annui. E in ogni caso per il suo calcio occorrono interpreti su misura. Due estati fa la Juve ha alzato la posta con l’operazione CR7. Pensare a Pep significa fare un altro salto di qualità. Perciò Andrea Agnelli assapora il colpo, lo gusta sino in fondo, con la sapienza di uno chef stellato