Tavecchio: "Il nodo quarantena deve cadere perché non sta in piedi"

27.05.2020 18:30 di Alessandra Stefanelli   Vedi letture
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Tavecchio: "Il nodo quarantena deve cadere perché non sta in piedi"

Ospite di Radio Marte, l’ex presidente FIGC, Carlo Tavecchio, commenta il cammino del calcio italiano verso la ripresa: “Da un po’ di tempo a questa parte, viviamo nell’ombra di quanto accade all’estero. Vedrete che la Serie A ripartirà, ma il problema delle tv è ineludibile. Credo sia difficile ottenere la trasmissione in chiaro delle partite per delle resistenze dal punto di vista economico. Bisogna ovviamente ragionare meglio sulla questione di un giocatore positivo: tutta la squadra in quarantena diventa complicata. Credo che questa operazione cadrà perché non sta in piedi di suo. Secondo me la serie A giocherà subito, il nostro calcio non può restare ai margini. Il ministro Spadafora dovrà tenerne conto. I playoff? Sono favorevole alla regular season, poi se dovessero esserci nuovi problemi, sarebbe meglio disputare i playoff rispetto ad altri criteri. Le società che hanno un bilancio coperto e garantito sono poche, le altre potrebbero rischiare di non partecipare al campionato”.