Salvione (Corsport): "Juve in pole per lo Scudetto. Di Maria colpo più importante del campionato"

18.08.2022 22:45 di Redazione TuttoJuve Twitter:    vedi letture
Salvione (Corsport): "Juve in pole per lo Scudetto. Di Maria colpo più importante del campionato"
TuttoJuve.com
© foto di www.imagephotoagency.it

A “1 Football Club”, programma radiofonico condotto da Luca Cerchione in onda su 1 Station Radio, è intervenuto Pasquale Salvione, direttore della versione digitale de ‘Il Corriere dello Sport’. Di seguito, un estratto raccolto dalla redazione di IlSognoNelCuore.com.

Napoli e Roma si stanno contendendo la palma del miglior calciomercato

"Difficile giudicare adesso chi abbia fatto meglio tra le due. La Roma ha fatto un processo di integrazione della rosa sulla base di un titolo europeo vinto. Quello del Napoli è un percorso diverso: rosa rivoluzionata, Spalletti ha perso gli uomini chiave della squadra. I risultati bisognerà vederli sul campo. Un giovedì così pirotecnico non si vedeva da tempo: il Napoli ha appena ufficializzato Simeone e, nella stessa giornata, farà le visite a Raspadori e Ndombele. I tifosi erano delusi, ma col segnale forte della società si sia risvegliata la voglia di tifare Napoli. Va dato atto alla società, che ancora sta lavorando per migliorare, che ha piazzato colpi importanti dopo un esordio strabiliante che avrebbe potuto rallentare il mercato. Questa è una rosa che dà tantissime soluzioni a Spalletti fra centrocampo ed attacco. Così ci si può adattare all'avversario di turno. Anzi, non escludo si possa fare anche 442 con Osimhen e Simeone insieme. Si può essere competitivi fin da subito? Spalletti è il miglior garante di questo processo di cambiamento. Il Napoli ha già una sua identità, e quando è così, si possono cambiare anche gli interpreti. Ovvio, però, che con 7/8 elementi nuovi c'è bisogno di tempo che porti confidenza e meccanismi".

Quali sono gli altri club che, secondo te, hanno fatto un mercato degno di nota?

"Dobbiamo menzionare la Juventus: un mercato in cui ha aggiunto il colpo più importante del campionato, ovvero Angel Di Maria, fuoriclasse di livello assoluto, capace di trascinare il Real Madrid alla vittoria della Champions. Se lo sommiamo a Kostic, Pogba, Bremer ed a Paredes e Depay in arrivo, sicuramente è in pole position a blocchi di partenza. L'Inter segue a ruota i bianconeri, ma occhio al mercato in uscita. Dopo le già citate Roma e Napoli, c'è il Milan e poi la Lazio. La mina vagante resta il Napoli, perché è una squadra completamente nuova che sta nascendo".

Casadei e Udogie dimostrano che i nostri club continuano a non puntare sui giovani italiani

"L'Inter sta provando a salvare gli altri big con la cessione di Casadei. Cessione dolorosa sicuramente, ma che serve ad avere soldi per non perdere big. Discorso diverso per l'Udinese che sulla vendita dei propri gioielli ha costruito la sua storia, dunque è nell'ordine delle cose. Non mi stupisce la scelta dei bianconeri, mentre quella dei nerazzurri va capita".

A proposito di forza economica: dobbiamo abituarci ad avere sempre più fondi nel calcio italiano?

"Il campo decreterà le vittorie o le sconfitte. Il Milan è stato il successo di un fondo, ma si è affidato a dirigenti che conoscono benissimo il calcio italiano. I De Laurentiis, Lotito, Commisso si dedicano totalmente al calcio in prima persona. A livello economico i fondi hanno più soldi ma molto meno coinvolgimento di un presidente imprenditore. La verità assoluta non c'è, la vittoria verrà decretata solo dal campo".