Ranocchia duro su Lukaku: "Mi ha deluso, ormai le bandiere non esistono più"

04.10.2023 22:15 di Alessandra Stefanelli   vedi letture
Ranocchia duro su Lukaku: "Mi ha deluso, ormai le bandiere non esistono più"
TuttoJuve.com
© foto di www.imagephotoagency.it

Ospite della trasmissione 'Cose di Calcio', condotta da Debora Carletti e Flavio Maria Tassotti in prima serata su Cusano Italia Tv, Andrea Ranocchia ha risposto ad alcune domande a tema Inter. Partendo con il dare una sua opinione sulla nuova coppia d'attacco composta da Lautaro e Thuram che tanto bene sta facendo in questo avvio di stagione: "Ho giocato con la Lu-La e i due erano davvero affiatati in campo - le parole dell'ex difensore -. Anche Thuram è un ottimo giocatore, si è ambientato bene. Rispetto allo scorso anno si sono rinforzati molto, hanno quasi due squadre. Ci sono i titolari e c’è una panchina dove i giocatori sono molto forti. Possono solo far bene, hanno veramente tanta qualità".

A proposito di Big Rom, che ha deciso di voltare le spalle all'Inter in estate per poi accettare la corte della Roma, Ranocchia ha aggiunto: "Non pensavo andasse alla Roma. Non so proprio cosa sia successo, gli volevano tutti bene e conosceva l’ambiente. Sinceramente non me lo aspettavo. Alla Roma si è subito ambientato bene e, nonostante il suo fisico ci metta un po’ a trovare la forma, sta avendo delle buone prestazioni. Se sono deluso da interista? Sì ma ormai il calcio è così, non ci sono più le bandiere e contano molte altre cose oltre l’affetto sportivo. Mi dispiace perché è un giocatore forte ma l’Inter è corsa ai ripari in maniera ottima". 

Infine, un raffronto tra Antonio Conte e Simone Inzaghi, gli ultimi allenatori che ha avuto all'Inter: "Conte è un tecnico che ti costruisce una squadra vincente partendo da zero e ti alza il livello. Inzaghi è preparato ma non costruisce, gestisce i talenti e lo spogliatoio. Entrambi preparano bene la partita, potevi stare in campo anche due ore e mezzo. Inzaghi capisce di più il giocatore dal punto di vista psicologico. Conte è quello che mi ha dato di più, già dai tempi di Bari".