Piccinini: "Non può ancora essere la Juve che sarà, ma il 3-0 porta fiducia e autostima nelle idee dell'allenatore. Paragoni ingenerosi con squadra Sarri. Ringrazio Pirlo..."

21.09.2020 00:10 di Redazione TuttoJuve Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Piccinini: "Non può ancora essere la Juve che sarà, ma il 3-0 porta fiducia e autostima nelle idee dell'allenatore. Paragoni ingenerosi con squadra Sarri. Ringrazio Pirlo..."

Sandro Piccinini, commentatore Sky da questa stagione, ha detto la sua sulla vittoria della Juventus negli studi del "Club" di Caressa. Ecco quanto raccolto da Tuttojuve.com: "La Juventus mi è piaciuta a tratti, non poteva e non può essere la Juventus che sarà, anche perchè mancava tanta gente tra infortuni, gente che deve arrivare a livello di mercato, era una Juve d'emergenza. Considerando l'emergenza, considerando la pressione su Pirlo, perchè è molto stimato, ma stasera aveva tutti gli occhi addosso, considerando qualche momento difficile  della partita che c'è stato, considerando tutto questo, il 3-0 aiuta, perchè in questa fase, con una Juve incompleta, c'è il rischio che possa perdere qualche punto nei confronti dell'Inter. Partire così, con 3 punti, 3-0 in casa, c'è morale, c'è autostima, c'è fiducia nelle idee dell'allenatore, altra cosa fondamentale, e questa fiducia arriva dai risultati. Sarebbe ingeneroso fare un paragone con la Juve di Sarri, perché lui non ha goduto delle tempistiche necessarie per lavorare con la squadra. Il suo gioco avrebbe richiesto più tempo. Evidentemente la società non aveva abbastanza fiducia in lui. Pirlo è stato il re delle sciabolate, ha allietato tante mie telecronache. Tante sciabolate, lo ringrazio ancora".