PARATICI a Sky: "Tutti sotto osservazione. Vogliamo raggiungere Lisbona! Critiche? Qualcuno dimentica che questa squadra ha vinto il Nono Scudetto e raggiunto la finale di Coppa Italia"

07.08.2020 20:49 di Rosa Doro Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
PARATICI a Sky: "Tutti sotto osservazione. Vogliamo raggiungere Lisbona! Critiche? Qualcuno dimentica che questa squadra ha vinto il Nono Scudetto e raggiunto la finale di Coppa Italia"

Intervenuto ai microfoni di Sky Sport, Fabio Paratici ha parlato prima di Juventus-Lione:

Sul clima della gara senza tifosi può ricordare la rimonta contro l'Atletico?
"Ce lo auspichiamo, senza tifosi è sempre difficile ma sono alibi che non ci prendiamo. E' una partita bella da giocare, una prospettiva da raggiungere come andare a Lisbona, giochiamo questa gara con il gusto di giocare la Champions League, che è differente da tutto il resto".

Sul futuro di Sarri è cambiato qualcosa?
"Sarri ha ripetuto quello che avevo detto nei precedenti pre-partita, i giudizi su allenatore, giocatori e dirigenti non vengono fatti su una partita, adesso concentriamoci su questa partita per arrivare a Lisbona e giocarci la Final Eight. Avanti con Sarri? Certo, ma noi siamo convinti di giocare questa partita per arrivare a Lisbona. Basta". 

Anche i dirigenti sotto osservazione?
"Io credo che quando sei alla Juve, sai che è così. E' un piacere avere questo tipo di responsabilità, questo lo impari qua quando non lo sai da prima, viviamo quotidianamente con questo tipo di ragionamenti, ci conviviamo, e ci fa piacere

Quando avete scelto, quando avete pesato il suo comportamento in Europa?
"Sarri ha fatto molto bene in diverse stagioni, non ha vinto solo l?Europa League, ha fatto vedere un bel calcio, ha fatto vedere di meritarsi la panchina della Juventus. Noi veniamo da una settimana in cui abbiamo vinto il nono Scudetto, abbiamo giocato la finale di Coppa Italia e persa ai rigori, non possiamo farci confondere dalle voci esterne, e ora siamo a giocarci i quarti di Champions". 

Come sta Cristiano Ronaldo?
"Come sempre molto bene, ancora meglio quando gioca in Champions, sente questa competizione come sua. Come ho detto prima, questa è competizione con un'aria diversa e lui la sente in particolar modo. Bisogna fare un plauso a tutti i giocatori e le persone che hanno lavorato con noi, perché la Juve è da 3000 giorni campione d'Italia, e questo non bisogna dimenticarlo per rispetto di queste persone che ci permettono di avere successo".