Manfredonia, il presidente Sdanga: "Granatiero? Potevamo fare cassa, ma abbiamo fatto grandissimo regalo al ragazzo. Ecco quanto costerà alla Juve"

06.02.2014 16:20 di Redazione TuttoJuve Twitter:   articolo letto 7408 volte
Manfredonia, il presidente Sdanga: "Granatiero? Potevamo fare cassa, ma abbiamo fatto grandissimo regalo al ragazzo. Ecco quanto costerà alla Juve"

Ai microfoni di Statoquotidiano.it, il presidente del Manfredonia Antonio Sdanga ha parlato dell'importante cessione del difensore Lorenzo Granatiero, classe 1997, alla Juventus.  e soprattutto tutto ciò che ruota intorno alle squadre giovanili.
Il Presidente, Antonio Sdanga: ““Qualcuno ha detto che qualcuno in società si sarebbe sistemato con questo trasferimento – dice a Stato il presidente Sdanga – ma preciso come si parla di 20mila euro per il prestito, oltre possibili 60mila euro relativi al diritto di riscatto, ma non obbligo, della Juve – in favore del Manfredonia calcio – per l’acquisizione del giocatore. Potevamo fare maggiore ‘cassa‘ ma abbiamo preferito fare un grande, grandissimo regalo ad un ragazzo forte fisicamente e tecnicamente ma soprattutto maturo, in considerazione dell’età”.
"Perchè proprio Granatiero e non altri per i palcoscenici prestigiosi del calcio professionistico? E’ la dimostrazione che un ragazzo classe 1997 schierato in serie D fa notizia (su precisa spinta di misterFranco Cinque, come dallo stesso dichiarato a Stato, ndr); in seguito i primi osservatori – sin dalla IV di campionato – hanno osservato attentamente il nostro gioiello; infine il deciso interesse della Juventus, una società della cui serietà, struttura e prestigio è inutile anche parlarne. Possibilità di collaborazione con la Juventus anche per l’utilizzo di giocatori della società torinese da far ‘crescere’ nel Manfredonia? Ho strappato una promessa – dice Sdanga – qualora dovessimo ritornare nei professionisti il Manfredonia calcio potrebbe rappresentare una società alla quale far riferimento per la crescita di talenti della Juve, e lo stesso potrebbe verificarsi con altre squadre”.