LIVE TJ - PARATICI A SKY: "Non c'è una situazione Dzeko, ma altre situazioni in essere. Suarez va tolto dalla lista. Molto felici per Pjaca. Pirlo predestina, sembra alleni da tantissimi anni"

20.09.2020 20:33 di Redazione TuttoJuve Twitter:    Vedi letture
LIVE TJ - PARATICI A SKY: "Non c'è una situazione Dzeko, ma altre situazioni in essere. Suarez va tolto dalla lista. Molto felici per Pjaca. Pirlo predestina, sembra alleni da tantissimi anni"

Fabio Paratici è intervenuto ai microfoni di Sky Sport prima della sfida con la Sampdoria. Ecco quanto evidenziato da Tuttojuve.com:

Le ha fatto piacere vedere Pjaca subito in gol con il Genoa?
"Sì, certo, ci fa molto piacere vedere Marko Pjaca segnare oggi, siamo molto felici, è un giocatore di grandissima qualità, è un ragazzo speciale, ha avuto parecchi infortuni, speriamo quest'anno possa tornare ad essere quello che è, ne siamo sicuri, abbiamo grandissima fiducia in lui, crediamo che il Genoa sia il posto giusto per dimostrare le sue qualità".

Può aggiornaci sulla situazione Dzeko? Può anche essere slegata dalla situazione Milik? Potrebbe arrivare anche se Milik non va alla Roma?
"Diciamo che non c'è una situzione Dzeko, c'è una situazione attaccante per la Juventus, sappiamo che abbiamo bisogno di questo attaccante, stiamo lavorando per questo, sappiamo cosa vogliamo, dove vogliamo arrivare, quindi lavoreremo per questo con grande serenità, con grande calma, mancano ancora 15 giorni, l'importante  è avere in testa quello che vogliamo".

Dzeko può arrivare a prescindere da cosa fanno le altre squadre?
"Se tu insisti, io ti ripeto che non c'è una situazione Dzeko, quindi significa che ci sono altre situazioni in essere".

Pellegrini lo vogliono Fiorentina e Genoa.
"La situazione Pellegrini, il nome Pellegrini è un discorso da allargare ad altri giovani. Noi abbiamo lavorato molto bene in questo senso con i giovani negli ultimi anni, sono dei giovani importanti per la squadra, ma anche degli asset fondamentali per la società. Parlo di Pellegrini, Pjaca, Nicolussi e Portanova che sono qua con noi. Quindi dobbiamo cercare di creargli...".

Di Frabotta...
"Frabotta, che è con noi. Di creargli il percorso giusto per poter arrivare alla Juve un giorno, rimanerci in pianta stabile ed essere protagonisti. Quindi i dirigenti insieme all'allenatore  cercano di ragionare, ne fare le nostre valutazioni cerchiamo di capire quale sia il percorso più giusto per loro".

Non vuoi parlare di Dzeko, ma l'attaccante può arrivare in settimana per Roma-Juve?
"Come ho detto prima, noi sappiamo bene dove vogliamo arrivare, quindi lavoriamo per avere un attaccante che sia uno dei nostri attaccanti insieme a Cristiano e a Dybala...".

Uno solo o due attaccanti?
"In questo momento uno. Quindi sappiamo dove dobbiamo arrivare, abbiano in testa le nostre cose, i nostri obiettivi, cerchiamo di perseguirli con grande serenità e calma indipendentemente da un nome o da un altro".

Puoi togliere definitivamente Suarez da questa lista?
"No, Suarez va tolto dalla lista perchè i tempi burovratici per ottenere la cittadinanza sono superiore alla data di scadenza del mercato e della lista Champions League, quindi possiamo toglierlo".

Quanto è stato vicino alla Juve senza queste problematiche?
"Non è stato vicino perchèquando ci è stata prospettata l'opportunità Suarez l'abbiamo valutata, perchè è logicamente un grandissimo giocatore, nons to qui a presentarlo io, non c'è bisogno di parlarne troppo. Aveva un tramite in corso per avere la cittadinanza italiana, gli mancava un rquisito e quindi abbiamo valutato la possibilità, prendendo tutte le informazioni possibili, se fosse stato possibile in termini di tempo prendere appunto la cittadinanza. Non era possibile, non è possibile, quindi alla fine non è stato vicino".
 

Su che cos ail lavoro di Pirlo è stato sorprendente?
"Per Pirlo di sorprendente c'è poco, nel senso che è un predestinato, questa parola dice tutto. Vive tutto con una normalità e una serenità incredibile, non sente pressione, ha sempre le idee chiare, è lucido quindi questo è quello che posso dire di questo inizio. E' veramente una piacevole sorpresa per quanto riguarda la serenità con cui allena, sembra un allenatore che allena da tantissimi anni".

Tu e Nedved eravate pronti a fare anche altre cose per supportarlo?
"No, non abbiamo avuto bisogno... anzi è stato... userei la parola naturale. E' stato naturale il confronto, è stato naturale allenare, sembra un allenatore che allena da tanti anni".

IN AGGIORNAMENTO