Forgione sta con ADL: "Sportfive confermò che senza di loro la Juve non avrebbe costruito lo Stadium. E pure il Comune..."

16.05.2019 15:00 di Rosa Doro Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Forgione sta con ADL: "Sportfive confermò che senza di loro la Juve non avrebbe costruito lo Stadium. E pure il Comune..."

Il giornalista e scrittore Angelo Forgione ha parlato delle accuse che Aurelio De Laurentiis ha rivolto alla Juventus riguardo alle facilitazioni avute per lo stadio: "Al forum del Corriere dello Sport, Aurelio De Laurentiis ha evidenziato alcune facilitazioni con cui la Juventus ha potuto realizzare il suo stadio, sottolineando opportunamente l'importanza di SportFive nell'operazione con la garanzia di 75 milioni per i diritti di naming dell'impianto per 15 anni (fino al 2023). Fu proprio l'AD di Sportfive, Walter Crippa, a dichiarare al Corriere della Sera del 5/10/12 che "senza il nostro aiuto la stessa Juve non avrebbe fatto lo stadio". Erano già trascorsi quasi sei anni dalla stipula del contratto e lo Stadium non aveva ancora uno nome-sponsor per colpa della scarsa appetibilità del calcio italiano. Erano stati scaltri i dirigenti juventini (ala Elkann) a vendere un "prodotto" nuovo ma poco attraente per scarsa commercializzazione della Serie A. Crippa confidò infatti l'errore iniziale: "ai tempi dell’inaugurazione ero convinto che sarebbe stata un’operazione più veloce". E ne passarono altri 5 e oltre di anni perché arrivasse Allianz, nel luglio 2017, dopo 9 anni di decorrenza del contratto e 6 dall'inaugurazione dell'impianto, assicurando 15 milioni per 5 anni a Sportfive, che perciò sta rientrando del corposo investimento del solo 20%, al quale vanno aggiunti gli introiti derivanti dallo sfruttamento degli skybox e della pubblicità, previsto nel contratto con la Juventus. Sta di fatto che l'investimento di Sportfive non può dirsi fruttuoso, anzi; e infatti l'agenzia ha chiuso il suo ufficio italiano di Milano e ha dichiarato svantaggioso il mercato italiano, con il solo investimento sbagliato che ha consentito importante liquidità alla Juventus per la realizzazione del progetto "Continassa". Ma la riuscita dell'operazione Stadium va oltre la sola decisività dell'incauta Sportfive, ed è derivata anche dall'estrema disponibilità dell'indebitato Comune di #Torino e dall'assegnazione delle Olimpiadi invernali del 2006, come ha giustamente ricordato Giovanni Malagò, senza però chiarire lo scenario di potere esercitato dalla parte influente di Torino durante la preparazione dell'evento mondiale. Uno scenario che chi vuol conoscere può affidarsi con pazienza alla trascrizione di seguito, tratta dal mio saggio Dov'è la Vittoria (donato personalmente a De Laurentiis), attraverso la quale è facile comprendere che l'operazione Stadium fu caricata in buona parte su Sportfive ma anche sulle spalle dei cittadini torinesi e del Torino FC, ed è difficilmente ripetibile in altre città italiane", ha scritto sul proprio account di Facebook.