Bocca (Repubblica): "Botta Champions pesantissima, Scudetto è una consolazione. ll campionato non è esistito. Questo titolo la Juve l’avrebbe vinto anche senza Ronaldo"

21.04.2019 15:30 di Redazione TuttoJuve Twitter:    Vedi letture
© foto di www.imagephotoagency.it
Bocca (Repubblica): "Botta Champions pesantissima, Scudetto è una consolazione. ll campionato non è esistito. Questo titolo la Juve l’avrebbe vinto anche senza Ronaldo"

Fabrizio Bocca, firma de La Repubblica, commenta lo Scudetto bianconero sulle pagine del suo blog: "La Juventus avrebbe vinto questo scudetto anche senza Ronaldo. Oggi basta e avanza Moise Kean, o almeno i gol di Alex Sandro e gli autogol di Pezzellacontro la Fiorentina, almeno in Italia. L’unico brivido, questo breve insignificante periodo, in cui lo scudetto è stato accantonato per dare tutto in Champions League. Ma non è bastato, e adesso lo scudetto è una bella soddisfazione, ma non di più. L’amarezza resta come un retrogusto.

L’ottavo scudetto consecutivo è il simbolo di una superiorità acquistata progressivamente, anno dopo anno. Nella prima Juve di Antonio Conte (2011-2012) non esisteva tale preponderanza e strapotere tecnico. Era una Juve in cui in attacco giocavano anche Quagliarella, Borriello e Matri. La prima Juvevinse lo scudetto alla 37a giornata, questa alla 33a.In mezzo c’è tutta l’evoluzione della Juve e soprattutto l’involuzione delle avversarie, sintomatico l’arretramento del Napoli che pure lo scorso anno restò in corsa quasi fino all’ultimo. Ma complessivamente sono tutte le squadre, e in particolare le milanesi, ad aver fatto il cammino del gambero e non aver ancora trovato una strategia complessiva per risalire alla luce del sole.

 

Non è stato un campionato, è stato un assolo, un’esibizione bianconera. Della Juve dello scudetto n. 1 della serie rimane ormai il solo Chiellini che con il passare degli anni è diventato un giocatore sempre più importante e decisivo. In mezzo c’è stata la costruzione di una squadra fortissima il cui obbiettivo era/è vincere la Champions League e che accoglie ora lo scudetto numero 8 – il quinto ormai della gestione Allegri – come una consolazione per l’eliminazione subita da parte dell’ Ajax.

Cos’altro si può dire sulla Juve che non si sia già detto in questi giorni di autocoscienza e di check up totale? Tra le tante che ho sentito una mi ha colpito molto: questa Juve non vincerebbe certo 8 Premier League di seguito. E forse nemmeno una. E’ un’affermazione assurda, grave, che non si può provare, quasi indiscutibile e che però inquieta e fa pensare. La riporto così a complicare ulteriormente l’insoluto dibattito bianconero.

Per il futuro – Ronaldo o non Ronaldo, Allegri o non Allegri – dico che la Juve il prossimo scudetto dovrebbe perderlo, cancellarlo, toglierselo dalla testa. In questo modo la Champions League diventerebbe ancor più un assillo, ma la stagione avrebbe a questo punto uno scopo vero, un senso. Ad ogni modo è pur sempre uno scudetto, un traguardo che altri toccano ormai ogni 10, 20, 30 anni. E’ giusto che sia festa in fondo".