Biasin: "La A credo possa riprendere. Icardi non tornerà all'Inter. Mercato.."

02.04.2020 17:40 di Giovanni Spinazzola Twitter:    Vedi letture
© foto di Federico De Luca
Biasin: "La A credo possa riprendere. Icardi non tornerà all'Inter. Mercato.."

Fabrizio Biasin, collega di Libero, ha parlato ai microfoni di Radio Sportiva.

Sulle parole di Tommasi: Non avevo dubbi che i calciatori si sarebbero messi a disposizione, rinunciando alle ferie. Il problema è riuscire a scendere in campo.

Sulla gestione dei calciatori da parte di Conte: Ci sono allenatori che preferiscono mettere a loro agio i giocatori e altri che impongono i loro schemi. Conte fa parte di quest'ultimi.

Sui contratti dei calciatori: La priorità sono i campionati e le coppe, poi il resto. Campionato Belga? Soluzione che prenderanno anche Olanda, Spagna e forse Inghilterra.

Sugli abbonati allo stadio: Credo che verranno prese iniziative per andare incontro ai tifosi. Mi auguro di rivedere da settembre un campionato regolare, con il pubblico.

Sul Campionato: Credo e spero possa riprendere, anche con 120 partite tra giugno e luglio, seppur sia tutto molto complicato. C'è anche il rischio di ripartire e poi fermarsi di nuovo. Penso ci sarà una perdita consistente e l'unico modo per limitare i danni è congelare gli stipendi e trovare soluzioni per rendere appetibile la prossima stagione.

Sul caso Iannone: Vicenda assurda, si dichiara l'atleta innocente e lo si condanna.

Su Icardi: E' un eterno dilemma ma, vista la situazione, difficilmente lo vedremo tornare a Milano.

Sulle serie minori: In un modo o nell'altro la Serie A troverà la capacità di rialzarsi, ma dalla serie B in giù ci saranno molti problemi. Il mondo del calcio dovrebbe interrogarsi su questo.

Sui procuratori: Siamo arrivati a degli eccessi, non si può andare avanti così. Cerchiamo di far diventare la stagione 20/21 l'annata della rinascita dal punto di vista gestionale.

Sul Milan: Gazidis? Non dico sia la rovina del Milan, ma nemmeno sta facendo le fortune. E' stata buttata via un'altra stagione, ogni volta viene azzerato tutto e questo non permette una crescita. Paquetà? Non ha reso. Tra costo del cartellino, milioni ai procuratori e percentuale sulla futura rivendita, è stata un'operazione disastrosa.

Sul Liverpool: Non credo finiranno la Premier, ma in un modo o nell'altro troveranno il modo di assegnare il titolo a questa squadra.

Sul calciomercato: La mia sensazione è che dalla prossima estate non sentiremo più operazioni da centinaia di milioni.