SOTTOBOSCO - La Juve va, ma la rimonta è complicata. Pirlo ha rivitalizzato la squadra in due mosse. Campionato falcidiato dagli sfondoni arbitrali. Nuovo appello a Gravina

Andrea Bosco ha lavorato al “Guerin Sportivo“, alla “Gazzetta dello Sport“, al “Corriere d'Informazione”, ai Periodici Rizzoli, al “Giornale“, alla Rai e al Corriere della Sera.
01.02.2021 00:25 di Andrea Bosco   Vedi letture
SOTTOBOSCO -  La Juve va, ma la rimonta è complicata. Pirlo ha rivitalizzato la squadra in due mosse. Campionato falcidiato dagli sfondoni arbitrali. Nuovo appello a Gravina
© foto di Andrea Bosco

La Juve va. Ma vanno anche le squadre che guidano la classifica. Recuperare, benché manchi ancora un intero girone, sarà complicato per Pirlo. Campionato falcidiato dagli sfondoni arbitrali. Non parlo di “errori“ . Parlo del differente metro di valutazione. Poi ci sono i 14 rigori offerti al Milan: 14 in 19 partite. Il 25% dei gol segnati dalla squadra di Pioli, arriva dal dischetto. Il Milan è la prima squadra in Europa per numero di penalty a favore. Ma non è questo lo scandalo. Diciamo che tutti i rigori fischiati a favore del Milan sono stati corretti. E che il Milan  non merita i sospetti del quale è  fatto oggetto. Lo scandalo è che le seconde in classifica siano a quota cinque rigori assegnati.

Ti raccontano che il Var ha migliorato le cose. Balle. Neppure per le cose più semplici i fischietti riescono a mettersi d'accordo . Certamente il loro è un mestiere difficile .

Quindi comprensione per gli errori. Non per gli “orrori“. La tecnologia ha migliorato le cose. Ma la discrezionalità  è ancora enorme. Essere arbitri non significa essere “unti del signore“. Significa (dovrebbe significare) essere “al servizio“ di una gara. E piaccia o non piaccia a Gravina a Nicchi e a Rizzoli l'unica via per uscirne è fare come fanno nello sport Usa e nel tennis:  chiamate da parte delle panchine o del capitano delle squadre in campo. Due per tempo, non pare una cosa insopportabile quanto a tempistica, considerati i “comizi“ che ogni domenica vanno in scena al monitor. Esauriti  i bonus, si accetta. Ma così, non è cosa.  La gente (uscire dal Palazzo e provare ad ascoltare) sta perdendo la pazienza.   

La Juventus è sensibilmente migliorata. Per due motivi, a mio parere. A differenza di Sarri, dopo qualche esperimento Pirlo si è convinto a qualche rinuncia tattica e la cosa ha migliorato la tenuta della difesa che da quattro gare non subisce gol. La seconda: Pirlo ha osato, presentando molti giovani. Che con il loro entusiasmo hanno vellicato l'orgoglio, forse sopito, dopo nove anni di vittorie, dei senatori. A parte colpi di scena dell'ultima ora, difficilmente la Juve inserirà qualcuno nell'organico. Sta aspettando, peraltro, un pezzo da novanta: Paulo Dybala .

Reputo che l'Inter abbia le migliori chances per aggiudicarsi il titolo. Ma la continuità  del Milan preannuncia un testa a testa che la Juventus potrà interrompere solo continuando a vincere. E potrebbe non bastare.

Infine: consueto (inascoltato ) appello a Gabriele Gravina. Spieghi  perché la Federazione non si  sia costituita al Collegio di Garanzia del Coni. Lo spieghi. Eviterà  al sottoscritto (e a tanti altri ) di pensarla come Giulio Andreotti. Spieghi. E la finiamo qui.