L'IMBOSCATA - Pirlo forse ha trovato il suo dominus (e presto potrebbe stupire). Mercato, la Champions presenta il conto alla Signora. Juve-Napoli e la sentenza "anticipata"...

23.10.2020 00:18 di Andrea Bosco   Vedi letture
© foto di Andrea Bosco
L'IMBOSCATA - Pirlo forse ha trovato il suo dominus (e presto potrebbe stupire). Mercato, la Champions presenta il conto alla Signora. Juve-Napoli e la sentenza "anticipata"...

E adesso il Verona. Senza voltarsi indietro, dopo la buona prova di Kiev. Senza esaltarsi. La sensazione è che (a parte, ovviamente, Cr7) nessuno con Pirlo abbia il posto assicurato. Ma che tutti possano conquistarselo: anche i Frabotta e i Portanova. Sarà una stagione delicata  per Pirlo e per la società. Se ti chiami Juventus hai i fucili puntati addosso.  

 Andrea Pirlo ha forse trovato il suo dominus. Uno  che parla la lingua calcistica che lui parlava: Ramsey . Uno che “pensa”  calcio di prima intenzione. Se il gioco lo fa Ramsey, la Juve viaggia in sesta marcia. E gli avversari perdono un tempo di gioco.  Per ora la benzina del gallese vale un'ora e poco più. Se arriverà ad ottanta minuti ne vedremo delle belle. Sono curioso di capire cosa si inventerà Pirlo quando avrà a disposizione (oltre a Morata, Kuluseveski e Chiesa) anche Ronaldo e Dybala. Potrebbe stupire .  

Se segui il calcio internazionale i rimpianti, ad ogni turno, si accavallano: Coman  era della Juventus. Haaland era alle firme.  Goretska  è un parametro zero che al Bayern non guadagna quello che guadagna, il parametro zero, Rabiot . Pur essendo più forte del francese.

L'altra sera ho continuato a fare zapping tra la gara dell'Inter al Meazza e quella dell'Ajax contro il Liverpool. Volevo vedere all'opera  Gravenberch: un 2002 di un metro e novanta, gestito da Mino Raiola (contratto in scadenza nel 2023) che oggi costa una ventina di milioni. Postura e corsa alla Pogba, piedi raffinati, lancio preciso, tiro ragguardevole, tatticamente da sgrezzare, ma personalità da vendere. Uno che si immagina possa diventare un ottimo metronomo. Da prendere: “ieri “. 

Ritrovato Ramsey, ora la Juve deve ritrovare Bernardeschi: Pirlo lo stima e sulla sua collocazione ha una idea precisa.  Tocca al giocatore convincersi di essere ancora Federico Bernardeschi e non l'anonimo protagonista visto negli ultimi tempi. 

Mentre il Covid continua a preoccupare l'Italia ed il mondo. Mentre i dubbi sul futuro delle manifestazioni sportive si addensano in modo preoccupante, il calcio italiano si è fatto onore nel turno di Champions e In Europa League. Pur con la stecca del Napoli in casa (olandesi dell'Az falcidiati dal virus ma la solerte Asl partenopea stavolta non la fatto un plisset, al pari di De Laurentiis Aurelio) e la mezza stecca al Meazza dell'Inter, salvata dal solito Lukaku.

Ma bene, oltre alla Juve anche Lazio ed Atalanta. Bene la Roma in Svizzera. Bene il Milan in Scozia contro il Celtic.  

In cauda venenum. Non entro nel merito di quella che sarà l'evoluzione del ricorso del Napoli. Per come si sono messe le cose (e benché personalmente non mi piacciano le vittorie assegnate a tavolino e meno ancora i punti di penalizzazione: certe cose non si dimenticano) sembra tuttavia che solo il Napoli dovrebbe essere considerato  “legibus solutus“. L'avvocato Grassani fa il suo lavoro come legale del Napoli: ci mancherebbe non lo facesse. Ma a me pare improprio sentenziare un giorno sì e un giorno no che Juve – Napoli sarà “certamente rigiocata“.  Sandulli, giudice d'appello? Dovrebbe avere il pudore di farsi da parte. Si è già “infelicemente“ espresso:  prima di vedere le carte.