Scudetto ora o mai più. Roma e Napoli tappe decisive. Arthur e i suoi scudieri . Pirlo servono scelte definitive!

23.01.2021 21:00 di Quintiliano Giampietro   Vedi letture
Scudetto ora o mai più. Roma e Napoli tappe decisive. Arthur e i suoi scudieri . Pirlo servono scelte definitive!
TuttoJuve.com
© foto di Image Sport

Il trionfo in Supercoppa ha restituito il sorriso, qualche certezza che si era persa con la mazzata di San Siro e fornito spunti importanti per il prosieguo della stagione. La serata di Reggio Emilia verrebbe però in parte vanificata se la Juventus non riprendesse la corsa in campionato. D'ora in poi è praticamente vietato sbagliare se si vogliono conservare le ambizioni scudetto. In attesa di recuperare la gara contro il Napoli, i bianconeri distano 10 punti dal Milan capolista , travolto dall'Atalanta e 8 dalla squadra di Conte, pari con l'Udinese  Il divario è importante, ma non impossibile da colmare. A patto che innanzitutto non si commettano più passi falsi contro le piccole e medie squadre, vedi Crotone, Verona, Benevento e Fiorentina. Tradotto, contro il Bologna è obbligatorio vincere. Senza se e senza ma. Pirlo spera che il trionfo del Mapei Stadium rappresenti la svolta, ne è convinto Ronaldo ed è significativo il tweet del presidente Andrea Agnelli.

Dalle parole e dagli auspici bisogna passare ai fatti. La sfida contro Mihajlovic chiude il girone d'andata. Poi si ricomincia con la Sampdoria, quindi le due tappe a mio avviso decisive per capire veramente se i bianconeri risponderanno presente alla chiamata scudetto. Prima l'appuntamento casalingo con la Roma, in pieno caos dopo la doppia disfatta derby-Coppa Italia: Fonseca è in bilico e si fa insistente l'arrivo di Allegri sulla sponda giallorossa del Tevere. Sarebbe quanto meno suggestivo trovarsi difronte il tecnico dei 5 titoli consecutivi. L'alternativa dei capitolini sarebbe Sarri; comunque vada, un match dal sapore particolare. Poi trasferta a Napoli e in questo caso è addirittura superfluo ricordare perché sia ormai diventata la sfida che nessun tifoso juventino vorrebbe perdere. Se al termine di questo miniciclo la distanza dal vertice si sarà ridotta in modo consistente, significa che per la lotta al titolo bisognerà fare i conti ancora con Madama. Altrimenti addio sogni di gloria.

Dalla Supercoppa Madama è uscita rinvigorita anche mentalmente. Uno degli aspetti più importanti partoriti nella notte emiliana, infatti, è stata la mancanza di cali di tensione, spesso fatali in questa stagione. Insomma, difronte alla possibilità di azzannare un trofeo, la Juve ha ritrovato la fame che sembrava smarrita. Infine una riflessione di natura tattica. Contro il Napoli Arthur ha dato segnali di crescita. Affinchè il brasiliano renda al massimo, però, ha bisogno di essere affiancato da due mezzali che lo supportino in termini di muscoli e dinamismo. Così l'ex Barcellona può dedicarsi di più alla distribuzione dei palloni, pur non essendo un regista di ruolo. McKennie e Bentancur al momento sembrano i partner ideali, con Rabiot valida alternativa, purché ritrovi la condizione migliore. Senza dimenticare Ramsey. Comunque sia, Pirlo deve definire i titolari per dare maggiore equilibrio alla squadra e certezze ai giocatori. Le squadre, si sa, dipendono dal centrocampo. E di quel reparto lui è stato fuoriclasse assoluto.