PIRLO NELLE MANI DELLA DEA. GASPERINI ALLONTANA I SOSPETTI. E SUL FUTURO IN BIANCONERO...

18.05.2021 22:15 di Quintiliano Giampietro   Vedi letture
PIRLO NELLE MANI DELLA DEA. GASPERINI ALLONTANA I SOSPETTI. E SUL FUTURO IN BIANCONERO...
TuttoJuve.com
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

Il calcio regala spesso intrecci suggestivi. Alcune volte anche spietati. Il penultimo atto della stagione si chiama Coppa Italia, in questo caso sinonimo di Atalanta. Tutto in 90 minuti, o forse più, come può accadere in ogni finale che si rispetti. L'avversario impone una gara d'alto livello, soprattutto con un'intensità oggettivamente sconosciuta alla Juve di quest'anno. Pirlo parla di una squadra comunque in forma sotto il profilo fisico, ma serve la testa. Già, l'aspetto mentale, forse la criticità più evidente di Madama. Staremo a vedere. Il successo e la concomitante qualificazione in Champions League molto probabilmente non basterà a salvare la panchina del Maestro. All'immancabile domanda sull'argomento, il diretto interessato continua a glissare: “Vi ho già risposto mille volte. Penso di far bene il mio lavoro e a finire questa stagione alla grande, cercando di vincere la Coppa e la partita di domenica”.

E a proposito di domenica, la Dea sarà arbitro della corsa Champions perché sfiderà il Milan, mentre Ronaldo e compagni sono attesi a Bologna. Nelle ultime ore diversi i maligni secondo cui la Juve “lascerebbe” la Coppa Italia ai nerazzurri che poi restituirebbero il favore battendo il Diavolo. Gasperini allontana ogni sospetto e replica con decisione: “Stupidate. Noi siamo responsabili del nostro destino, come Juve e Milan del loro. Faremo di tutto per vincere sia la Coppa che la sfida di campionato”. Su questo credo ci siano pochi dubbi, anche perché il secondo posto sarebbe il miglior piazzamento della sua storia per l'Atalanta e permetterebbe introiti maggiori rispetto al terzo.

Gasperini dunque arbitro, ma per molti anche possibile “giustiziere” di Pirlo. Altro intreccio è proprio la panchina bianconera. L'allenatore della Dea è nella lista dei papabili nel caso in cui la guida bainconera non venisse confermata, ipotesi come detto molto probabile. Sull'argomento l'allenatore dei bergamaschi glissa, senza però chiudere la porta: “Se vinciamo la Coppa Italia faremo una grande festa e non avremo tempo per pensare a certe cose”. Gli altri tecnici accostati al futuro allenatore della Juve, come noto, sono Allegri, Zidane, Gattuso e Simone Inzaghi. Ma come spesso accade in questi casi, occhio alle sorprese.