NESSUNO SI ABBATTE, I GIOCATORI MANDANO MESSAGGI DI AMORE, MA QUELLA PANCHINA...

13.05.2022 09:00 di Massimo Pavan Twitter:    vedi letture
NESSUNO SI ABBATTE, I GIOCATORI MANDANO MESSAGGI DI AMORE, MA QUELLA PANCHINA...
TuttoJuve.com
© foto di www.imagephotoagency.it

Nessun dramma, le sconfitte insegnano a crescere, sicuramente permetteranno di apprezzare un domani di più le vittorie. Per questo, in casa Juve si è pronti a mettere da parte la notte di Roma ed a pensare al domani, quindi due giornata per chiudere la stagione e poi a come rinforzare la squadra.

Nel frattempo i giocatori manifestano amore alla Vecchia Signora a partire da Dusan Vlahovic, alla prima finale persa: "Partite come queste fanno male. Ma se ho imparato una cosa è che sono pronto a scendere all'inferno con te, se servirà a riportarti in paradiso".

La carica del serbo è esemplare, si sale e si scende, la Juventus mercoledì è scesa all'inferno ma dovrà lavorare per risalire. Un messaggio di affetto a cui fa eco anche Alvaro Morata: "Nella vittoria ti voglio bene ma è nelle sconfitte che ti amo. Forza Juve!".      

Unità di intenti da parte di tutti, e voglia, già dalle prossime partite e poi dalla prossima stagione di risalire la china per lottare per lo scudetto e per portare a Torino un trofeo.

La squadra è da migliorare, lo sanno tutti, dalla dirigenza, ai giocatori, soprattutto a livello di panchina. Lo abbiamo visto anche in finale, l'Inter ha inserito alcuni calciatori che hanno fatto la differenza e la Juventus, purtroppo non è riuscita a pescare la stessa intensità, elementi che fanno la differenza oggi, come lo facevano quando erano i bianconeri a fare sostituzioni decisive.

La società deve operare per migliorare la rosa, aumentare la qualità ed eliminare quei calciatori che non riescono a fare la differenza e ce ne sono alcuni, senza fare nomi che andrebbero tagliati.

Ripartire da una base solida e motivazioni forti, questa la chiave per provare a vincere domani.

Clicca qui, segui Massimo Pavan su twitter per interagire con Massimo sulle ultime di mercato e sulla Juve