LA SETTIMANA DEI VERDETTI, LA JUVE PROVA A RITROVARSI

03.08.2020 09:00 di Massimo Pavan Twitter:    Vedi letture
© foto di www.imagephotoagency.it
LA SETTIMANA DEI VERDETTI, LA JUVE PROVA A RITROVARSI

La Juventus prova a ritrovarsi, l’abbiamo smarrita dopo la Lazio, quella vittoria per 2-1 che poteva essere un 2-0, ulteriore gara che insegna quello che non si deve e non si dovrà fare con il Lione, distrarsi. Dopo la Lazio il vuoto cosmico con le sconfitte nelle successive gare ad eccezione della partita con la Sampdoria. I bianconeri, però, hanno l’occasione di ritrovarsi e devono farlo perché con il Lione si giocano tutto, ovvero l’obiettivo minimo stagionale in Europa, i quarti, uscire lo sappiamo, sarebbe un fallimento europeo, dopo aver centrato lo scudetto. 

In questa settimana Maurizio Sarri dovrà lavorare di gambe e di testa, provare a recuperare le gambe dei calciatori ma anche la mentalità che in queste settimane è venuta un po’ meno con tante, troppe disattenzioni.   

Per venerdì Sarri dovrà ritrovare il miglior Ronaldo, quello delle grandi occasioni, non quello che tira da ogni posizione per aumentare la classifica dei cannonieri forzando i tiri, allo stesso modo si spera di ritrovare Paulo Dybala che spesso e volentieri è stato più che fondamentale in stagione e che sarebbe fondamentale. Higuain sembra in crescita è un cambio potrebbe darlo lui. A centrocampo il reparto con Bentancur e Rabiot vede buone sensazioni anche se manca il terzo. 

Da notare, poi la difesa, il reparto più delicato, Szczesny non si tocca ma dovrà alzare la sua percentuale di parate, allo stesso modo intoccabile la opposi formata da Matthijs De Ligt e Leonardo Bonucci con esterni favoriti Juan Cuadrado ed Alex Sandro. Proprio la copertura difensiva degli esterni sarà un grosso valore aggiunto. 

In questi pochi giorni la Juventus deve riprendere la testa giusta, la sfida è molto complicata con il Lione che sta bene, ci vuole una serata da Juve, per non abbandonare troppo in anticipo una competizione a cui la Juventus tiene da morire.