L'ATTACCO ALLE PLUSVALENZE E' FOLLIA!

07.12.2022 09:00 di Massimo Pavan Twitter:    vedi letture
L'ATTACCO ALLE PLUSVALENZE E' FOLLIA!
TuttoJuve.com
© foto di Image Photo Agency

La Juventus in questi giorni viene attaccata sul tema plusvalenze che probabilmente con il dispiacere di molti, non sarà oggetto di valutazione della giustizia sportiva.

Va detto, come prima cosa, che l'attacco che la Juventus sta subendo sul tema è vergognoso, unilaterale e denigratorio. Ogni società è ed allo stesso modo ha il diritto di essere libera di valutare un giocatore quanto vuole. Allo stesso modo deve avere il diritto di acquistare alla cifra che vuole. Un esempio? Andatevi a vedere gli scambi estivi tra City ed Arsenal con valutazioni a volte sorprendenti, tutte normali o qualcuna un pò oltre la media? Potrebbe essere ma ognuno ha il diritto di pagare un calciatore quanto vuole ed allo stesso tempo, magari di pagarne un altro un pò di più o di ricevere una valutazione più alta come cambio di favori.

La Juventus ha ceduto Romero a 19 milioni, cifra che sembra bassa vedendo poi quanto è stato pagato dal Tottenham, probabile che l'Atalanta abbia deciso di riconoscere qualcosa alla Juventus, come gratitudine nelle trattative successive. Stesso discorso per Lirola da cui il Sassuolo ha guadagnato 13 milioni, questo poteva valere uno sconto per Locatelli. 

Insomma, il mercato è fatto anche di agevolazioni, questo non vuol dire che siano illecite o ci siano illeciti. Iling Junior ad inizio stagione valeva x, la Juventus poteva metterlo a bilancio per 3 per esempio, oggi vale 15, chi vietava alla società di metterlo per 15 pensando in una sua valorizzazione.

Questo si chiama rischio aziendale, una società come la Juventus ha preso dei rischi, Rovella a 30 milioni sembrava un rischio, oggi il City offre più o meno quella cifra per prenderlo, chi aveva ragione? Chi non lo capisce è un idiota e di idioti in giro ce ne sono, purtroppo tanti.

Clicca qui, segui Massimo Pavan su twitter per interagire con Massimo sulle ultime di mercato e sulla Juve