ESCLUSIVA TJ - Gianluca Luppi: "Bologna a viso aperto, per la Juve sfida impegnativa. Modulo? Cambiando l'ordine degli addendi il risultato non cambia. Su de Ligt..."

17.10.2019 16:30 di Mirko Di Natale Twitter:    Vedi letture
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
ESCLUSIVA TJ - Gianluca Luppi: "Bologna a viso aperto, per la Juve sfida impegnativa. Modulo? Cambiando l'ordine degli addendi il risultato non cambia. Su de Ligt..."

"Sono sempre state sfide importanti tra Juventus e Bologna. Gli ospiti sono partiti bene e stanno proponendo un buon calcio, affronteranno però una Juve al top che ha riconquistato il primo posto nell'ultima giornata". La legge così Gianluca Luppi, doppio ex di entrambe le formazioni, che in esclusiva ai microfoni di TuttoJuve.com ha parlato del match e non solo:

La Juve cercherà di fare la partita, il Bologna a tuo parere giocherà in ripartenza?

"Mihajlovic ha dato una mentalità importante, per questo a mio parere il Bologna andrà a giocarsela a viso aperto così come ha già fatto quest'anno. Non subisce più l'avversario, l'atteggiamento è decisamente positivo".

Il Bologna sviluppa il suo gioco con gli esterni d'attacco. Orsolini sarà un po' l'osservato speciale, dato che la Juventus lo ha prestato prima all'Atalanta e poi ceduto in Emilia dove si sta comportando bene. Sarà la sua partita?

"Secondo me non sarà soltanto la partita di Orsolini, ma di tutto il Bologna che ha cambiato come dicevo mentalità. I ragazzi scenderanno in campo per cercare di ottenere un risultato positivo, anche se il pronostico è sfavorevole sicuramente è meglio giocarsi le proprie chance invece di rinunciare in partenza".

Te la senti di fare un pronostico di Juve-Bologna?

"Pronostici non ne faccio mai, per la Juve sarà una partita impegnativa e mi auguro una bellissima partita. Statistiche? Servono a ricordare tutte queste cose, ovvero che una piccola squadra può battere quella grande".

Non sappiamo ancora quale sarà il modulo schierato da Sarri. Potrebbe esserci la possibilità di vedere sia Higuain o Dybala, ma nel caso chi meglio dei due per affiancare Ronaldo?

"Qui caschi bene in qualsiasi caso. La Juventus è una squadra reduce da otto titoli di fila e, seppur cambiando guide tecniche, ha sempre avuto la sua mentalità vincente. E non ha mai sbagliato un acquisto, la squadra delle presunte riserve arriverebbe tranquillamente seconda in campionato".

Meglio dunque con il trequartista o con l'esterno?

"Sarri ha cambiato modulo nelle ultime settimane, è un allenatore intelligente e ha visto che con il trequartista la squadra non va male. Più che il modulo in sé, diciamo che qui cambiando l'ordine degli addendi il risultato non cambia".

Il giovane de Ligt, invece, non si è completamente ambientato. Credi che sia normale a questo punto della stagione?

"Sì, è decisamente normale e ha ammesso anche lui che in Olanda si sentiva un re. Lui proviene da un calcio diverso da quello italiano, sicuramente ha influito molto l'assenza di Chiellini e un po' son corti dietro. Bonucci sta giocando bene in questa stagione, ma i troppi gol subiti è frutto anche da una maggiore propensione delle squadre di attaccare e di giocarsela a viso aperto".

Si ringrazia Gianluca Luppi per la cortesia e la disponibilità dimostrata in occasione di questa intervista.