ESCLUSIVA TJ - Fabrizio Ravanelli: "Non bisogna mettere a rischio la vita di nessuno. Juve con alti e bassi, la Lazio non è una sorpresa, anzi. Sul mercato alla Juve serve..."

03.04.2020 11:15 di Massimo Pavan Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
ESCLUSIVA TJ - Fabrizio Ravanelli: "Non bisogna mettere a rischio la vita di nessuno. Juve con alti e bassi, la Lazio non è una sorpresa, anzi. Sul mercato alla Juve serve..."

Fabrizio Ravanelli ha parlato in esclusiva ai microfoni di tuttojuve.com per parlare del difficile momento che caratterizza tutti ma anche della stagione bianconera e del mercato.

Come vivi Fabrizio questo momento?

Per il momento stiamo bene, stiamo vivendo come la maggior parte della gente, in casa, con la famiglia, con i figli, con un pò di paura, per mia madre, i miei suoceri e gente anziana, come tutte le persone viviamo con la massima accortezza sotto tutti i punti di vista.

In questo momento ci piace anche parlare di calcio, ovviamente, considerando il momento difficile, soprattutto per coloro che a casa vogliono alleggerire le loro giornate, secondo te il calcio può ripartire?

E' difficile dirlo, il calcio deve seguire quelle che possono essere le situazioni e le dinamiche che solo i virologi e chi lavora in questo settore può darci, non possiamo mettere a repentaglio ed a rischio la vita di nessuna persona, dal calciatore, alla persone giovani e meno, penso sia superfluo in questo momento pensare al calcio ed a qualsiasi altro sport.

Parlando della Juventus di quest'anno, penso che un giudizio si possa dare per quello che abbiamo visto fino all'otto di marzo, come ti è sembrata la squadra e l'approccio di Maurizio Sarri?

Ma, una squadra con alti e bassi, comunque forte, con una grande mentalità che quando ha pensato di giocare la partita e dare dimostrazione della propria forza, l'ha sempre dimostrato, credo che l'ultima partita contro l'Inter abbia fatto vedere il carattere della squadra che era sulla strada giusta dopo la sconfitta con il Lione, aveva lasciato forse la speranza di aver intrapreso la strada giusta per portarci alla vittoria sia in campionato, che arrivare fino in fondo in Champions, visto che comunque con l'Inter la squadra è riuscita a giocare una delle poche partite ad alta intensità per novanta minuti, la Juve ha sempre fatto anche ottime partite, ma come intensità e dinamicità non è mai riuscita a fare i novanta minuti ad eccezione di qualche partita in Champions e con il Napoli in casa. Spesso ha lasciato spazio all'avversario ed un pò di amaro in bocca a tutti i tifosi. Contro l'Inter ha dimostrato di essere, forse, sulla strada giusta.

Un giudizio sulla stagione della Lazio, potrà essere in grado quest'anno ed il prossimo di lottare fino alla fine?

La Lazio ha fatto sempre meno di quello che poteva fare negli anni passati, ha avuto sempre una grande squadra, per me non è una sorpresa, la sorpresa era quando la Lazio non si qualificava per la Champions League. Adesso ci si accorge della Lazio, ma io ho sempre sbandierato che la Lazio avesse una grande squadra, giocatori importanti, giocatori che potevano fare la differenza, giocatori che avevano classe e fanno la differenza, come Luis Alberto, Milinkovic Savic, Immobile, uno squadrone che quest'anno ha trovato la continuità giusta ed ora è li a lottare per il campionato. Credo che negli anni passati abbia lasciato forse qualcosa per strada, ma credo che il lavoro di Tare e Lotito sia stato ottimo, una qualità di Lotito e di Tare è che sono stati capaci di dare la possibilità di Inzaghi di allenare una Formula 1.

Ultima cosa, visto che il mercato non si ferma mai, come si migliora questa Juventus?

Credo rafforzando soprattutto il centrocampo, credo che sia in questo momento quel reparto dove ha dato un pò meno rispetto agli anni passati.