ESCLUSIVA TJ - Davide Lanzafame: "In Ungheria tante falsità, il mio futuro è da valutare. Juve? Vantaggio mostruoso, scommetto su CR7 capocannoniere. E su Bonucci..."

14.07.2020 11:30 di Mirko Di Natale Twitter:    Vedi letture
ESCLUSIVA TJ - Davide Lanzafame: "In Ungheria tante falsità, il mio futuro è da valutare. Juve? Vantaggio mostruoso, scommetto su CR7 capocannoniere. E su Bonucci..."

"Posso definire come positiva la stagione appena conclusa, perché quest'estate arrivai in una squadra ultima in classifica a zero punti e siamo riusciti ad arrivare quinti vincendo la coppa. C'è stata davvero grande soddisfazione". E' raggiante l'ex calciatore bianconero Davide Lanzafame, che sceglie TuttoJuve.com per raccontare la conclusione della stagione con l'Honvéd e non solo:

Che cosa puoi dire riguardo al tuo futuro?

"Il futuro è ancora da valutare, in Ungheria ho letto davvero tantissime falsità sul mio conto. Ci tengo particolarmente a precisare che nutro un profondo rispetto per questa società, qualsiasi decisione verrà presa in accordo per il bene di entrambi".

E' una bella storia d'amore quella con i "Mighty Magyars".

"Ogni qualvolta sono tornato all'Honvéd, abbiamo sempre costruito insieme un qualcosa di importante: sia nel 2013 con la qualificazione europea storica e poi, successivamente, con la vittoria del campionato e della coppa nazionale che mancava da diverso tempo. Il legame che si è creato, da parte mia, non verrà assolutamente rovinato dalla scelta del mio futuro".

Credi che questa Juventus sia più umana e meno cannibale delle precedenti? Hai la sensazione che questa è una squadra più fragile e vulnerabile?

"Andrò controcorrente, ma il coefficiente di difficoltà è superiore di anno in anno per via degli avversari sempre più avvelenati. Anche perché non è mai semplice vincere ogni stagione lo scudetto. Il vantaggio attuale della Juve è un qualcosa di mostruoso, gli avversari sono ancora due spanne sotto e commettono troppi passi falsi per poter reggere il confronto. I bianconeri trionferanno per la nona volta di fila".

A tuo parere quanto bisognerà temere il Sassuolo che viene dalla roboante vittoria all'Olimpico?

"Il Sassuolo ormai è conosciuto perché gioca bene a calcio, De Zerbi non fa tatticismi e quindi cercherà di giocarsi a viso aperto questo incontro. Sarà una partita bella, dove entrambe le squadre vorranno portare a casa i tre punti. E la Juventus ha anche la fortuna di poter sbagliare qualche incontro, la pressione è tutta sugli altri visto che l'unico modo per restare in scia è quello di vincere". 

Può sbagliare qualche gara, però se la Juve dovesse perdere il campionato almeno sulla carta sarebbe riaperto.

"Nella storia ci sono stati campionati persi nelle ultime gare, però quest'anno non vedo una situazione che potrebbe esser definita simile. La Juve non è al top ma non se la passa nemmeno così male, Lazio ed Inter non sono continue. Credo che sarebbe stato differente con la vittoria dell'Atalanta, ma il pareggio arrivato al 90' ha suggellato definitivamente il distacco con i bergamaschi".

Ci sei andato molto vicino quest'anno a rivincere la classifica cannonieri, ma Ronaldo può riuscire ad esser il primo a conquistare la vetta in Inghilterra, Spagna ed Italia?

"Lui ed Immobile se la giocheranno fino al termine della stagione, anche se Ronaldo mi sembra in miglior condizione. Se dovessi scommettere su qualcuno, la scelta ricadrebbe sull'attaccante bianconero".

Che cosa sta succedendo a Bonucci? Parlando di condizione, nelle ultime partite sembra non esserlo particolarmente.

"Purtroppo le persone hanno la memoria un po' troppo corta e non ricordano come gli sportivi hanno vissuto il periodo del lockdown. Perché l'inattività prolungata per oltre tre mesi ha compromesso per il 99% lo stato di forma dei giocatori. E' normale che uno della sua stazza sia leggermente più indietro di condizione, il tifoso è chiaro si soffermi sul singolo errore ma tra qualche gara sono sicuro che tornerà il Bonucci di sempre. Il Leo di oggi, pur al 50%, garantisce sempre un qualcosa di importante sotto l'aspetto della personalità".

Si ringrazia Davide Lanzafame per la cortesia e la disponibilità dimostrata in occasione di questa intervista.