ESCLUSIVA TJ - Alexander Manninger: "Chiellini non è finito: quando recupererà tornerà a fare la differenza. Juve attrezzata per arrivare fino in fondo in Champions. Su Dybala..."

02.12.2020 18:30 di Luca Cavallero   Vedi letture
ESCLUSIVA TJ - Alexander Manninger: "Chiellini non è finito: quando recupererà tornerà a fare la differenza. Juve attrezzata per arrivare fino in fondo in Champions. Su Dybala..."
TuttoJuve.com
© foto di Federico De Luca

Riguardo all'attualità in orbita Juventus, la redazione di TuttoJuve.com ha intervistato in esclusiva Alexander Manninger, ex portiere bianconero tra il 2008 e il 2012.

Come commenti, sin qui, la Juventus di Pirlo?

"Conosco Andrea avendoci giocato insieme e contro. Già quando era arrivato alla Juve da calciatore era uno che aveva alle spalle una carriera incredibile. Può vincere e imporsi: per me è l'allenatore giusto. Serve però del tempo".

A proposito di tuoi ex compagni: notizia delle ultime ore il terzo infortunio in 42 giorni di Giorgio Chiellini. Dal tuo punto di vista è ancora in grado di conciliare ad alti livelli Juventus e Nazionale?

"Giorgio è un soldato. E' uno dei pochi veri rimasti in questo calcio: lo capisci giocandoci insieme. Ora sta attraversando un brutto periodo, però conosco Giorgio: lavorerà molto sodo per poter recuperare. E se recupera al 100% può ancora fare la differenza".

Alla Juventus attuale è imputata anche una carenza di personalità da parte dei leader. In questo discorso, implicitamente, finisce sul banco degli imputati anche Gianluigi Buffon, altro tuo ex compagno che conosci molto bene...

"No, Gigi sarà sempre il numero uno, fino a quando deciderà di smettere. Stiamo parlando di uno che ha proprio cambiato il ruolo del portiere nella storia del calcio: anche solo avercelo accanto ti dà una carica, a livello di personalità, completamente diversa. Fa bene la Juventus a mantenerlo in rosa".

Da ex portiere: come commenti la facilità con cui la Juventus subisce gol?

"La difesa della Juve è in una fase di cambiamento: ci va del tempo. Siamo passati da un'epoca in cui era un comparto completamente impenetrabile - con Chiellini, Bonucci e Barzagli - ad ora che c'è un cambio generazionale in corso: è normale".

Conosci a perfezione l'ambiente Juventus: come commenti il momento attuale di Dybala?

"Lui è un talento immenso e ha la fortuna di essere in una società leggendaria, in cui hai costanti motivazioni e traguardi da raggiungere. Sta a lui ora trovare dentro di sè la giusta carica e rabbia per poter provare ad emulare i grandi campioni della Juventus del passato".

A poche ore da Juventus-Dinamo Kiev: i bianconeri hanno le carte in regola per arrivare fino in fondo nella competizione?

"Sì: alla Juve si ha fame costantemente e ci stanno provando da diverse stagioni. Gigi è ancora lì per quello: vuole quel traguardo e se lo merita. L'ambizione porta la Juve a prosi traguardi sempre nuovi".