DA ZERO A DIECI - ZERO ALLE ANALISI ALTRUI, DIECI AL CUORE!

13.01.2022 17:30 di Massimo Pavan Twitter:    vedi letture
DA ZERO A DIECI - ZERO ALLE ANALISI ALTRUI, DIECI AL CUORE!
TuttoJuve.com
© foto di www.imagephotoagency.it

La Juventus ci ha sorpreso, le finali non si giocano, si vincono, è vero, ma questa Juventus partiva nettamente sfavorita contro l'Inter ed ha perso per un errore marchiano al 120' in una sfida tutto sommato equilibrata, giocata in difesa, vero, ma senza concedere occasioni clamorose, con una difesa che era lontana parente da quella titolare.

ZERO - alle analisi, ai rigori non dati all'Inter ed a chi si perde l'intervento dubbio di Bernardeschi e la sbracciata di Bastoni su McKennie. Parliamo a senso unico o siamo seri?

UNO - come i gol segnati, ancora una volta la Juventus si ferma ad una rete, con le grandi è capitato con rare eccezioni spesso e volentieri. Esempi? Milan, Napoli, Inter all'andata. Napoli al ritorno, senza dimenticare anche Roma all'andata e Fiorentina.

DUE - agli errori bianconeri, De Sciglio su Dzeko, entrata al limite, ma sicuramente sbagliata, in uscita non si entra mai così, ed a quello di Alex Sandro. Perchè lo fai, diceva Marco Masini.

TRE - come i cambi poco reattivi della ripresa. La differenza sta nell'efficacia di Sanchez e nella poca efficacia dei bianconeri, peccato!

QUATTRO - ad Alex Sandro, non ce ne voglia, ma non puoi intervenire così a fine gare, cosa appoggi a fare a Chiellini? Follia, si dovrebbe ridurre lo stipendio.

CINQUE - a Rabiot. Non è andato malissimo, ma nemmeno bene. Non ha fatto errori ma nemmeno cose degne di nota, insomma, chi l'ha visto?

SEI - a Dybala. Siamo generosi, ma non ce la sentiamo di infierire, comunque ci aspetteremo molto di più da lui, che dovrebbe essere il leader della squadra.

SETTE - a Bernardeschi. Gioca una bella partita, di cuore e sacrificio ed è anche pericoloso, peccato che manchi la precisione nelle conclusioni.

OTTO - a McKennie. Sicuramente ed obiettivamente il migliore. Sbaglia qualche passaggio ma ci mette cuore nell'inseguire Dumfries e capacità di inserimento nel segnare il vantaggio.

NOVE - come l'attaccante che manca. Manca un nove, lo ripeteremo fino a stancarvi. La squadra spesso non ha il tempo di salire senza nessuno che tiene la palla. Dateci un Mandzukic!

DIECI - al cuore ed all'impegno. Nulla da dire, l'orgoglio c'è stato, la voglia di lottare anche, ci siamo andati vicino, cosa che conta nulla nel calcio, perchè dei secondi non si ricorda nessuno, ma giocando con questa determinazione per il quarto posto la Juve se la gioca!