Bonucci e Chiellini: la coppia di centrali più forte al Mondo

Non saranno la coppia più bella del mondo ma, sicuramente, ad oggi, sono la coppia di centrali più forti al mondo. Godiamoceli finchè sarà possibile
13.07.2021 17:15 di Enrico Danna   vedi letture
Bonucci e Chiellini: la coppia di centrali più forte al Mondo
TuttoJuve.com
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

Quasi 37 anni uno, 34 anni l'altro: Giorgio Chiellini e Leonardo Bonucci hanno trovato, nella notte di Wembley, il giusto riconoscimento internazionale per due carriere dense di trofei domestici. Mancava il sigillo europeo, quello che non è arrivato (ad oggi) con la maglia del Club.

La loro unica (ma enorme) pecca? Indossare la maglia della Juventus. E sì, perché se avessero indossato qualunque altra maglia, sarebbero stati, da tempo, considerati due Campioni assoluti (riconoscimento che infatti all'estero hanno avuto più volte). Invece, come succede quando un giocatore indossa la divisa della Vecchia Signora, si tende a sminuirne smodatamente il valore. Da bolliti a mediocri, da giocatori che vincono solo perché con la Juve tutto gli è permesso a raccomandati che giocano solo perché indossano la maglia bianconera: ne abbiamo sentite di tutti i colori. Solo un mese fa, il "caro" Bonolis, ormai asintomatico in quanto a simpatia, ironizzava davanti all'Italia intera su Giorgio Chiellini. Ecco, King kong Giorgione ha risposto sul campo: e Bonolis muto! Non solo lui, per carità: l'elenco sarebbe lungo, lunghissimo. Macchiette giornalistiche che sputano sulla Juventus e sui propri giocatori per raccattare qualche like e qualche momento di altrimenti insperata gloria ce ne sono a bizzeffe. Di tutte le specie, età, altezza, residenza, provenienza. Personaggini piccoli piccoli, dal linguaggio spesso incomprensibile, cui bisognerebbe segare anche le corna per cercare barlumi di lucidità; personaggini che, se fosse solo per meriti propri, affollerebbero l'estesa prateria delle nullità sconosciute.

Purtroppo, però, c'è da notare come diversi tifosi bianconeri siano andati dietro a certi rabdomanti dell'idiozia: lasciate stare certi soggetti, lasciateli affogare nel loro brodo acido o sbattere contro le loro protuberanze.

Come si fa a mettere in dubbio due che non hanno fatto toccare palla a qualsiasi avversario sia passato dalle loro parti? A partire da quello che veniva definito come un fenomeno divino (o voodoo a seconda delle versioni), ovvero Lukaku: sta ancora cercando il pallone. E mister 100 milioni Kane? Idem. Sono diventati improvvisamente dei brocchi o hanno trovato la coppia difensiva più forte del Mondo? E sì, non è mica lesa maestà dirlo, Anzi: è semplicemente la verità. Quei due, quando il fisico sorregge Giorgio e la squadra fornisce adeguata protezione, sono un muro invalicabile. Se ne sono accorti tutti, ieri sera: certo, con anni di ritardo, perché noi juventini già lo sapevamo. Buffon, Barzagli, Bonucci, Chiellini: che difesa ragazzi. Avercene. Con un pò più di fortuna si sarebbe potuta portare a casa la maledetta (ricordiamo che a Berlino, nel 2015, Chiellini non giocò la finale causa infortunio).

Bonny e Chiello sono la coppia più forte del mondo: e ce li abbiamo noi (cioè Bonucci sì, Chiellini dovrebbe firmare a breve il rinnovo del contratto). Sarebbe bello se riuscissimo a goderceli fino a quando sarà possibile: solo applausi per questi due Campioni. Diamo retta solo al campo, non agli imbecilli. Tante assurde voci sul fatto che fossero loro a fare la formazione, a complottare per giocare in un modo piuttosto che in un altro. Poi vanno in Nazionale, ove Mancini adotta un sistema di gioco basato sul possesso palla con squadra alta e propositiva. E quindi? Anni di stupidaggini da cestinare, anni passati ad ascoltare gli inutili commenti e “rivelazioni” di pseudo fenomeni utili quanto un fiocco di neve nel deserto.

Ascoltiamo il campo: è l'unico giudice supremo. Sempre.

Godiamoci i nostri due Campioni sperando che Giorgio possa disputare un'altra stagione a livelli da Europeo (centellinando l'impiego, sperando che gli infortuni la smettano di tormentarlo e magari con un centrocampo che garantisca maggior protezione e non le praterie viste negli ultimi due anni). Meriterebbero almeno un altro trofeo. Sappiamo tutti quale.

Se lo meritano. Ce lo meriteremmo. Noi, meritiamoceli fino all'ultimo. Anzi, fino alla fine.