Amoruso a RBN: "Sarri dovrà gestire CR7 e prendere decisioni coraggiose. Importante far ruotare i giocatori"

18.11.2019 17:30 di Alessandra Stefanelli   Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Amoruso a RBN: "Sarri dovrà gestire CR7 e prendere decisioni coraggiose. Importante far ruotare i giocatori"

Ai microfoni di Radio Bianconera, nel corso di ‘Avanti Madama’, è intervenuto l’ex bianconero Nicola Amoruso: “Questa pausa ha dato risonanza all’episodio di Cristiano Ronaldo che sicuramente non è stato bello. Il giocatore è apparso un po’ troppo nervoso. Non è un Ronaldo brillantissimo, c’è bisogno di ricucire subito perché è un giocatore fondamentale per la Juventus. Bisogna gestirlo visto che fisicamente è tirato ma l’età inizia a pesare. Sarri dovrà essere bravo a gestirlo e a prendere scelte coraggiose. Mancano ancora tante partite, i 35 anni iniziano a farsi sentire, lui vuole comunque macinare record, ma credo che Sarri sia comunque dalla parte della ragione. Le ultime dichiarazioni hanno messo quasi tutto a tacere. Cena che deve restare segreta? Difficile nell’era dei social. Sono cose che possono capitare e credo che ormai tutto sia tornato alla normalità”.

Sugli infortuni di Alex Sandro e Pjanic: “È importante raggiungere il primo posto nel girone di Champions, in questo momento della stagione è importante far girare un po’ la rosa e utilizzare tutti. La Juventus ha la forza tecnica e tattica per potersi permettere una rotazione, forse Sarri non è abituato ma qui la qualità è maggiore”.

Sull’Italia: “Mancini ha portato una ventata di entusiasmo basandosi sulle sue idee, dando spazio ai giovani e allargando le possibilità di convocazione. Alcune ha stupito tutti, ad esempio quella di Zaniolo. Ho avuto la fortuna di giocare con Mancini, conosce le dinamiche di spogliatoio e le capacità dei giovani che vanno gestiti in un certo modo”.

Matuidi? “Penso che possa essere un’occasione per Rabiot che ha bisogno di minutaggio. Non abbiamo ancora visto il miglior Rabiot, ma non mi preoccuperei più di tanto perché questa rosa offre grandi garanzie. Con l’Atalanta non sarà una partita scontata, ma è una squadra che concede e questa Juventus è super. Non sono assolutamente preoccupato, bisogna solo imparare a gestire i momenti complicati”.