Barillà a RBN: “L'errore di Allegri. Thiago Motta sarebbe l'ideale in un caso. Sulle parole di Conte...”

15.02.2024 11:00 di Quintiliano Giampietro   vedi letture
Barillà a RBN: “L'errore di Allegri. Thiago Motta sarebbe l'ideale in un caso. Sulle parole di Conte...”
TuttoJuve.com

Antonio Barillà (La Stampa) ospite a "Fuori di Juve"

Sabato a Verona imperativo vincere per i bianconeri dopo una serie di tre gare in cui hanno raccolto un solo punto. Squalificato Bremer, Rugani dovrebbe essere favorito su Alex Sandro per sostituirlo. Tornano DaniloVlahovic. Futuro di Allegri in primo piano, il prossimo mese è previsto un incontro tra le parti per capire se rinnovare o meno il contratto. In caso di addio, Thiago Motta rimane il favorito nel caso in cui ci fosse il divorzio. Intanto fanno discutere le parole di Conte, nel corso di un'intervista a The Telegraph. In ESCLUSIVA a Fuori di Juve Antonio Barillà de La Stampa.

Barillà analizza in questo modo il momento negativo della Juve: “Penso ad un black out generale che però era comprensibile. Quando una squadra supera di molto i propri limiti, prima o poi la sua corsa si può arrestare. Allo stesso modo era prevedibile un distacco pèiù ampio dall'Intere, ritenuta dai più superiore alla Juve. Fermo restando la sconfitta di San Siro, al cosa che mi stupisce sono le due partite casalinghe con Empoli e Udinese. La prima ovviamente condizionata dall'espulsione di Milik dopo un quarto d'ora. Nella seconda, il blitz dei nerazzurri in casa della Roma potrebbe ha fatto capire quanto fosse complicato inseguire la squadra di Simone Inzaghi. Probabilmente i bianconeri hanno avuto difficoltà nel replicare, consapevoli di quanto fosse complicato inseguire il sogno scudetto, al quale comunque ambivano, malgrado le dichiarazioni andassero in altra direzione. La cosa che mi ha colpito rispetto al pari con l'Empoli e al ko contro l'Udinese, è che a tradire siano stati i senatori. In una situazione di difficoltà dovevano essere loro a supportare i giovani, sicuramente meno esperti e non abituati a certe pressioni”.

Nel podcast l'intervento integrale