Bonansea: "La ripresa del calcio femminile? La Juve può permettersi di riprendere in sicurezza, altri club forse no. Juventus Women un modello per tutti in Italia"

02.06.2020 12:20 di Giuseppe Giannone   Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Bonansea: "La ripresa del calcio femminile? La Juve può permettersi di riprendere in sicurezza, altri club forse no. Juventus Women un modello per tutti in Italia"

Barbara Bonansea, attaccante della Juventus Women e della nazionale femminile, affronta diversi temi in un'intervista a "La Stampa": "Il professionismo per le donne? Sarà oggetto della mia tesi di laurea in economia, domani ho l’ultimo esame, ragioneria, e poi vado di ricerca. Il nostro movimento è fatto ancora di diverse tipologie e quindi è difficile uniformarlo. Si andrà verso squadre delle stessa portata, figlie di club professionisti. Nel mentre però non possiamo restare parcheggiate: io gioco a calcio a tempo pieno, ci sono diritti che mi vanno riconosciuti. Riprendere il campionato? Fosse per me giocare, sempre. Ma qui bisogna fare un passo indietro. La Juve può permettersi condizioni di sicurezza, altri non lo so. Sentiamo che cosa ci dicono nel consiglio di giovedì. Sarebbe bello riprendere da Juve-Milan partita in programma anche al maschile, vedi le coincidenze. Le Women amate da tutti? Per ora sì. Si avverte, molte rivali parlano di noi come un punto di arrivo, un modello. Non c’è invidia, piuttosto voglia di arrivare tutte a questo livello. Il nostro presidente ha importato dall’estero un altro passo in questo settore e ora siamo all’avanguardia. Ronaldo? Abbiamo scambiato qualche parola, tutto più naturale di quanto si possa pensare. Per me è diventato un idolo agli Europei del 2004, non ha vinto ma voleva farlo e dopo si è preso ogni trofeo".